Tutti i benefici dell’olio nella dieta dei bambini

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 08/01/2021 Aggiornato il 08/01/2021

I bimbi hanno bisogno di una quantità maggiore di grassi rispetto agli adulti. Per questo, nella loro dieta non deve mai mancare l’olio, nelle giuste dosi

Tutti i benefici dell’olio nella dieta dei bambini

Quello fra alimentazione e salute è un rapporto molto stretto; fin dai primissimi mesi di vita. Per questo, è importante che mamma e papà curino con attenzione la dieta dei bambini. Fra gli alimenti che non dovrebbero mai dimenticarsi di portare a tavola c’è l’olio, benefico da più punti di vista. Ecco perché.

Molti bambini seguono una dieta poco equilibrata

Purtroppo, oggi molti bambini seguono una dieta scorretta dal punto di vista della qualità e della quantità. Basti pensare che gli ultimi dati del programma di sorveglianza nazionale OKkio alla SALUTE, dedicato a raccogliere informazioni sugli stili di vita dei bambini della scuola primaria (classe terza), rivelano che in Italia un bambino su tre è sovrappeso o addirittura obeso. Per questo, Oleificio Zucchi ha chiesto al dottor Giorgio Donegani, tecnologo alimentare, esperto di nutrizione e di educazione alimentare, di spiegare quali sono i principi di un’alimentazione equilibrata e completa per l’età infantile.

Servono anche i grassi

Circa il 45-60% delle calorie introdotte ogni giorno con i cibi dovrebbe arrivare dai carboidrati (cereali, pane, riso, pasta), il 12-14% dalle proteine (per metà di origine animale e per metà vegetali, in particolare dai legumi) e fra il 20 e il 35% dei grassi. Nella dieta di un bambino non devono mai mancare, poi, frutta e verdura, ricche di vitamine, fibre, sali minerali e fattori protettivi: l’ideale è proporne sempre di tipi e colori diversi, così da permettere all’organismo di fare il pieno di sostanze benefiche.

I bimbi ne hanno bisogno in quantità maggiori

Non è vero, dunque, che i grassi vanno limitati. I bambini, poi, ne hanno bisogno più degli adulti: i grassi, infatti, partecipano alla costruzione dei tessuti corporei, che in età infantile è molto rapida e accentuata. Non solo: servono anche per garantire la corretta assimilazione delle vitamine liposolubili (prime tra tutte le vitamine A ed E), indispensabili per garantire una crescita sana. “I bambini dovrebbero limitare il consumo di grassi saturi, per lo più di origine animale (ma abbondanti anche in alcuni grassi vegetali, come quello di cocco e di palmisto), e privilegiare invece gli oli vegetali ricchi di acidi grassi “buoni”, del tipo monoinsaturo e polinsaturo, alcuni dei quali si comportano come vere e proprie vitamine, al punto di meritarsi l’appellativo di acidi grassi essenziali” spiega il dottore Donegani.

Quale tipo di olio scegliere

Fra i grassi buoni, ci sono anche quelli dell’olio. I due oli più adatti all’alimentazione dei bambini sono quello extravergine di oliva  e quello di semi di arachide. Il primo vanta una composizione ideale in acidi grassi (essendo ricco di acido oleico, che è riconosciuto come fattore di crescita). Inoltre, contiene una serie di fattori protettivi, fra cui tocoferoli (vitamina E), polifenoli antiossidanti e preziose sostanze antinfiammatorie. L’olio di semi di arachide, invece, al sapore delicato unisce una particolare ricchezza di acido oleico.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’olio nella dieta dei bambini può essere usato per cucinare o, meglio ancora, aggiunto a crudo sui cibi. In ogni caso, ricordarsi che anche se il fisico dei più piccoli è in crescita, non bisogna esagerare con le calorie fornite.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti