Vitamine B: servono gli integratori per i bambini?

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 24/06/2019 Aggiornato il 11/12/2019

I bambini hanno un metabolismo intenso che richiede l’assunzione di tutti i nutrienti come le vitamine B di frutta e verdura. Sì agli integratori per i bambini, purché…

Vitamine B: servono gli integratori per i bambini?

Chi ha figli o sta per averne conosce l’importanza dell’assunzione delle vitamine per la crescita dei bambini. Sono soprattutto le vitamine B a favorire il pieno sviluppo dell’organismo: nutrienti che il corpo umano non è in grado di sintetizzare in modo autonomo e vanno assunti con la dieta e, se necessario, con gli integratori per i bambini.

L’impegno dei pediatri

I bambini, più degli adulti, hanno bisogno delle vitamine in virtù del metabolismo più intenso. Per questo motivo Consulcesi Club, realtà di riferimento per oltre 100mila medici, e il dottor Giuseppe Mele, presidente della Società italiana medici pediatri  (Simpe), danno alcuni consigli per correggere le abitudini alimentari. Un’alimentazione ricca di frutta (fresca e secca), verdure a foglia verde, carne, legumi e cereali integrali fornisce una dose sufficiente della maggior parte di queste vitamine.

Le attenzioni in estate

Con l’aumento delle temperature è consigliabile consumare la verdura (sia cruda sia cotta) e frutta con la buccia (ricca della componente fibrosa). In questo modo le vitamine B1 e B2 miglioreranno l’attività dei muscoli e contrasteranno la sensazione di stanchezza, favorendo una forma fisica ottimale, mentre le B3 e B6 contribuiranno al rinnovamento e alla cura della pelle, provata dall’esposizione ai raggi solari. Se la dieta del bambino è monotona e non garantisce l’apporto sufficiente di vitamine B è possibile ricorrere agli integratori per i bambini, ma soltanto sotto stretto controllo medico.

Abitudini alimentari scorrette

Un’indagine condotta sui pediatri ha dimostrato che oltre il 46% dei bambini mangia male: in particolare, il 22,1% segue un regime carente e non equilibrato e il 24,5% ha un’alimentazione squilibrata. Tra coloro che non seguono una dieta adeguata, il 41,8% dei bambini ha oltre 10 anni, il 28,4% ha tra i 6 e i 10 anni, il 19,5% ha tra i 3 e i 6 anni e il 10,3% ha tra 0 e 3 anni.

 

 

Da sapere!

Anche la gravidanza è un momento essenziale nel quale supplire alla mancanza di vitamine B, in particolare di B9. La somministrazione di folati può ridurre il rischio di malformazioni congenite e i ginecologi raccomandano alle donne che vogliono avere un figlio di assumere regolarmente almeno 0,4 mg al giorno di acido folico, attraverso dieta e integratori specifici, a partire da un mese prima del concepimento e per tutto il primo trimestre della gestazione.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti