Allarme dell’Unicef: a rischio malnutrizione quasi 7 milioni di bambini

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 18/09/2020 Aggiornato il 18/09/2020

L’Unicef ha rivelato che 6,7 milioni di bambini sotto i cinque anni potrebbero soffrire di denutrizione a causa della pandemia. Servono azioni urgenti

Allarme dell’Unicef: a rischio malnutrizione quasi 7 milioni di bambini

L’analisi dell’Unicef pubblicata sulla rivista The Lancet  denuncia la gravità dell’impatto socio-economico del coronavirus che sta causando più danni ai bambini del virus stesso, aumentando il pericolo di malnutrizione.

I rischi della malnutrizione acuta

Secondo Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef, la povertà delle famiglie e i tassi di insicurezza alimentare sono aumentati. I servizi nutrizionali essenziali e le catene di approvvigionamento sono stati interrotti. I prezzi dei prodotti alimentari sono saliti alle stelle. Tutto questo fa prevedere un elevato rischio di malnutrizione acuta per quasi 7 milioni di bambini sotto i cinque anni, l’80% dei quali  proveniente dall’Africa subsahariana e dall’Asia meridionale. La malnutrizione acuta è una forma di malnutrizione pericolosa per la vita dei bambini, in quanto li rende troppo magri e deboli, a maggior rischio di morire o, comunque, di crescere, svilupparsi e apprendere in modo inadeguato. Prima della pandemia, nel 2019, erano 47 milioni i bambini che soffrivano di malnutrizione acuta. Senza un’azione urgente, potrebbero diventare 54 milioni nel corso dell’anno, ovvero 10.000 morti di bambini in più al mese, con oltre il 50% di decessi nell’Africa subsahariana.

Diminuzione dei servizi nutrizionali essenziali

Aumenteranno anche altre forme di malnutrizione nei bambini e nelle donne, tra cui arresto della crescita, carenze di micronutrienti, sovrappeso e obesità, come risultato di diete più povere e dell’interruzione dei servizi nutrizionali: oltre 250 milioni di bambini in tutto il mondo non godono di tutti i benefici dell’integrazione di vitamina A. I rapporti dell’Unicef relativi ai primi mesi della pandemia indicano una riduzione complessiva del 30% della copertura dei servizi nutrizionali essenziali, spesso salvavita. Quando l’aumento previsto nella malnutrizione acuta in ogni Paese è combinato con una riduzione media annua del 25% dei servizi nutrizionali, secondo l’analisi, ci potrebbero essere 128.605 decessi aggiuntivi di bambini sotto i cinque anni nel corso dell’anno.

Meno visite ai centri sanitari

La denutrizione è, però, soltanto la punta dell’iceberg. Nei Paesi con sistemi sanitari già deboli, il Covid-19 sta causando l’interruzione della catena di rifornimenti medici e sta facendo pressione sulle risorse finanziare e umane. Le visite ai centri sanitari diminuiscono a causa di lockdown, coprifuoco, interruzione dei trasporti e in generale per la paura del contagio. Secondo l’Unicef queste interruzioni potrebbero causare un aumento potenzialmente devastante delle morti materne e dei bambini.

 

 
 
 

Da sapere!

Le agenzie umanitarie hanno bisogno immediatamente di 2,4 miliardi di dollari per proteggere la nutrizione materna e infantile nei Paesi più vulnerabili da qui alla fine dell’anno. Le Nazioni Unite hanno fatto appello ai governi, al pubblico, ai donatori e al settore privato affinché proteggano il diritto alla nutrizione dei bambini.

Fonti / Bibliografia

  • Child malnutrition and COVID-19: the time to act is now - The LancetThe COVID-19 pandemic is undermining nutrition across the world, particularly in low-income and middle-income countries (LMICs).1 The worst consequences are borne by young children. Some of the strategies to respond to COVID-19—including physical distancing, school closures, trade restrictions, and country lockdowns—are impacting food systems by disrupting the production, transportation, and sale of nutritious, fresh, and affordable foods, forcing millions of families to rely on nutrient-poor alternatives.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti