Altezza dei bambini? Tutta questione di geni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/04/2015 Aggiornato il 03/04/2015

Ormai è dimostrato: l’altezza dei bambini dipende per l’80% dalla predisposizione genetica. E per il restante 20%?

Altezza dei bambini? Tutta questione di geni

Tale padre tale figlio. Un modo di dire che non vale solo per il carattere o i tratti del viso, ma anche per le “dimensioni” del corpo. L’altezza dei bambini, infatti, sarebbe direttamente proporzionale a quella dei genitori, poiché per la maggior parte è determinata dai geni. L’ennesima conferma arriva da una ricerca internazionale, realizzata dal consorzio internazionale Giant (Genetic investigation of anthropometric traits), e pubblicata sulla rivista Nature genetics.

Analisi genetiche per 250 mila persone

Lo studio ha riguardato oltre 250 mila persone in Europa, Stati Uniti, Australia. Tutte sono state sottoposte ad alcune analisi genetiche e invitate a fornire la loro statura. Lo scopo era capire quali fossero le variabili che determinano l’altezza dei bambini.

Il ruolo del Dna

Dall’analisi dei risultati, è emerso che il ruolo più importante è ricoperto dalla componente genetica. Secondo i ricercatori, infatti, l’altezza dei bambini è scritta per ben l’80% nel Dna. Questo significa che se un bimbo ha entrambi i genitori alti, ha probabilità molto elevate di esserlo a sua volta. A oggi sono state identificate circa 700 varianti geniche correlate all’altezza. “Nessuna caratteristica fisica era stata finora collegata a un numero così elevato di geni. Di molti ancora non si conosce il ruolo, alcuni sembrano attivi alle estremità delle ossa lunghe, altri nel metabolismo del collagene e del condroitin solfato, che compongono rispettivamente ossa e cartilagini” hanno spiegato gli studiosi.

Il ruolo dell’alimentazione

Per il restante 20% la statura dipende dalle condizioni ambientali. Quali? Indubbiamente, un’influenza fortissima è esercitata dall’alimentazione. Basti pensare che negli ultimi decenni, da quando cioè la nostra dieta è equilibrata e sana e soprattutto ricca dei nutrienti essenziali per lo sviluppo osseo, come proteine, calcio, vitamina D, l’altezza media è cresciuta. Anche i progressi nel settore medico stanno svolgendo un’azione importante: oggi esistono molte più possibilità di cura contro le infezioni, che rappresentano una minaccia per il corretto accrescimento.

Scoperte molto importanti

Queste scoperte non sono solo curiose. Possono costituire anche una risorsa preziosa per mettere a punto test in grado di svelare alcune anomalie della crescita, come il nanismo. “Possono anche aiutare a comprendere meglio i meccanismi alla base di malattie come cancro, diabete, osteoporosi, che sembrano legate alla statura in quanto derivanti da alterazioni della crescita cellulare” hanno svelato gli esperti.

 

 

 

 

In breve

UN PARAMETRO VALUTATO DAL PEDIATRA

È bene ricordare che l’altezza dei bambini, insieme al peso, è uno dei due parametri che vengono valutati dal pediatra durante le normali visite di controllo previste nei primi anni di vita. Per capire se il piccolo cresce nel modo corretto si fa riferimento alle tabelle dei percentili.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti