Anche i pidocchi resistono alle cure come i batteri?

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 10/01/2014 Aggiornato il 10/01/2014

Dopo i batteri, anche i pidocchi stanno sviluppando resistenza nei confronti dei prodotti più usati. Ecco come affrontare il problema

Anche i pidocchi resistono alle cure come i batteri?

Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae: sarebbero loro i “superbatteri” capaci di sviluppare resistenze ai principali antibiotici. L’allarme è stato lanciato in occasione della sesta Giornata europea degli antibiotici. 

Un batterio è resistente quando l’azione degli antibiotici è inefficace nell’ucciderlo o nell’impedirne la diffusione. Il parassita sopravvive anche dopo l’assunzione del farmaco e continua a proliferare.

Perché si sviluppa una resistenza

Tre fattori sono all’origine: il largo uso di antibiotici da parte dei medici, l’autoprescrizione da parte dei malati, l’uso massiccio in ambito veterinario. Ora l’allarme si estende anche ai pidocchi, che non sono batteri bensì parassiti, e non si debellano con gli antibiotici, ma con specifici prodotti antiparassitari. Pare che il fenomeno della resistenza si stia verificando anche in molti casi di pediculosi, ostacolando le cure e spianando la strada a epidemie.

Serve un uso corretto dei prodotti

La prima cosa da fare è non abusare dei prodotti anti pidocchi, applicandoli solo in caso di effettiva infestazione (basta fare la prova del pettinino) e non a scopo preventivo. Non esistono, infatti, prodotti in grado di evitare l’infezione.  L’unica misura efficace a scopo preventivo è l’ispezione settimanale del capo, in particolare sulla nuca e dietro le orecchie, anche se il bambino non si gratta.

Le sostanze più efficaci

Tra i vari trattamenti anti pidocchi in commercio, finora la maggiore efficacia è stata dimostrata da: permetrina, piretrine naturali, malathion e dimeticone: nell’ultimo caso, non esiste il pericolo di resistenza, perché il principio attivo non agisce con un meccanismo chimico, ma fisico, “asfissiando” il pidocchio. In alternativa, sempre per arginare il problema della resistenza, si può usare il metodo della pettinatura a capelli umidi. Non prevede l’uso di composti chimici, ma solo di un normale balsamo e del pettinino a denti fitti, che sui capelli bagnati intrappola più facilmente lendini e insetti. Da ripetere ogni 3 o 4 giorni per 3 settimane. 

 
 
 

In breve

FARMACI USATI TROPPO E MALE

L’Italia è tra i Paesi europei con i livelli più alti di antibiotico-resistenza. Nel nostro Paese 1 antibatterico su 5 è usato in modo inappropriato e l’Italia è tra i maggiori consumatori di antibiotici dopo la Grecia.   

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti