Anche i pidocchi resistono alle cure come i batteri?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 10/01/2014 Aggiornato il 10/01/2014

Dopo i batteri, anche i pidocchi stanno sviluppando resistenza nei confronti dei prodotti più usati. Ecco come affrontare il problema

Anche i pidocchi resistono alle cure come i batteri?

Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae: sarebbero loro i “superbatteri” capaci di sviluppare resistenze ai principali antibiotici. L’allarme è stato lanciato in occasione della sesta Giornata europea degli antibiotici.  Si dice che un batterio è resistente quando gli antibiotici non riescono più a ucciderlo o a impedirne la proliferazione. Il microorganismo sopravvive anche dopo la somministrazione del farmaco e continua a riprodursi, allungando il decorso della malattia e comportando gravi complicazioni.

Perché si sviluppa una resistenza

All’origine di questo meccanismo ci sono tre fattori: il largo uso di antibiotici da parte dei medici, l’autoprescrizione da parte dei malati, l’uso massiccio in ambito veterinario. Ora l’allarme si estende anche ai pidocchi, che non sono batteri bensì parassiti, e non si debellano con gli antibiotici, ma con specifici prodotti antiparassitari. Pare che il fenomeno della resistenza si stia verificando anche in molti casi di pediculosi, ostacolando le cure e spianando la strada a epidemie.

Serve un uso corretto dei prodotti

La prima cosa da fare è non abusare dei prodotti anti pidocchi, applicandoli solo in caso di effettiva infestazione (basta fare la prova del pettinino) e non a scopo preventivo. Non esistono, infatti, prodotti in grado di evitare l’infezione.  L’unica misura efficace a scopo preventivo è l’ispezione settimanale del capo, in particolare sulla nuca e dietro le orecchie, anche se il bambino non si gratta.

Le sostanze più efficaci

Tra i vari trattamenti anti pidocchi in commercio, finora la maggiore efficacia è stata dimostrata da: permetrina, piretrine naturali, malathion e dimeticone: nell’ultimo caso, non esiste il pericolo di resistenza, perché il principio attivo non agisce con un meccanismo chimico, ma fisico, “asfissiando” il pidocchio. In alternativa, sempre per arginare il problema della resistenza, si può usare il metodo della pettinatura a capelli umidi. Non prevede l’uso di composti chimici, ma solo di un normale balsamo e del pettinino a denti fitti, che sui capelli bagnati intrappola più facilmente lendini e insetti. Da ripetere ogni 3 o 4 giorni per 3 settimane.

In breve

FARMACI USATI TROPPO E MALE

L’Italia è tra i Paesi europei con i livelli più alti di antibiotico-resistenza. Nel nostro Paese 1 antibatterico su 5 è usato in modo inappropriato e l’Italia è tra i maggiori consumatori di antibiotici dopo la Grecia.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti