Ansia: meno rischi se il bambino cresce con un cane

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/01/2016 Aggiornato il 14/01/2016

Il forte legame che si crea tra i bambini e il proprio cane può prevenire i disturbi d’ansia che iniziano durante l’infanzia e si trascinano sino all’età adulta

Ansia: meno rischi se il bambino cresce con un cane

Il legame che si crea tra un bambino e il proprio cane è molto importante. Crescere con un animale può essere un’esperienza di amicizia e di rispetto reciproco. Ma vivere insieme a un cane rende i bambini anche meno predisposti all’ansia. È quanto emerso da una ricerca del Bassett medical center di New York. Lo studio, realizzato su un campione di 643 bambini tra 4 e 10 anni, ha dimostrato, infatti, che solo il 12 per cento dei bimbi che vivono con un cane soffrono di un disturbo d’ansia.

Il rapporto con il cane accresce l’autostima

“Può essere che ad avere i cani siano proprio i bambini meno ansiosi o che siano invece i cani a rendere meno ansiosi i bambini” ha commentato Anne Gadomski, autrice dello studio pubblicato sulla rivista Preventing chronic disease. “Dal punto di vista della salute mentale, per i bambini di 7-8 anni gli animali sono spesso più importanti degli esseri umani come fonte di comfort e di autostima e anche come confidenti. E la terapia assistita con animali (Taa) porta benefici per la salute mentale e i disturbi dello sviluppo, riducendo l’ansia e l’attivazione (uno stato di vigilanza e di eccitazione chiamato tecnicamente arousal) e potenziando l’attaccamento”.

Meno ansia da separazione

I genitori dei bambini interessati allo studio sono stati sottoposti a un test computerizzato con domande sui propri figli riguardo l’alimentazione, gli atteggiamenti ansiosi, il comportamento dei propri bambini in determinate circostanze, la timidezza, i blocchi emotivi. Crescere insieme a un cane è una grande opportunità per un bambino ma le differenze evidenti tra chi cresce con un animale e chi no riguardano soprattutto l’ansia da separazione. I primi sembrano essere più sicuri, non hanno paura di stare da soli in casa, sono meno preoccupati di confrontarsi con gli altri, si sentono tranquilli con il loro amico a 4 zampe al loro fianco.

 

lo sapevi che?

La presenza degli animali, e in particolare dei cani, è di grande aiuto nei bambini che soffrono di autismo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti