Perché è importante riconoscere e curare le apnee notturne nei bambini

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 21/02/2023 Aggiornato il 21/02/2023

Tra i disturbi del sonno più diffusi in età pediatrica, le apnee notturne dei bambini sono una vera e propria patologia e, come tale, vanno curate e trattate per evitare conseguenze anche gravi

Oltre a disturbare il sonno, le apnee notturne nei bambini possono causare seri problemi

Negli ultimi anni le apnee notturne nei bambini hanno fatto registrare un aumento, come riportato dai dati raccolti dal Ministero della Salute, infatti, circa l’1-6% dei bambini accusa micro-arresti del respiro durante il sonno andando, dunque, in apnea.

Dietro questi disturbi può esserci una vera e propria patologia: la sindrome dell’apnea ostruttiva nel sonno  (OSA), un disturbo che può colpire i più piccoli, compromettendone il giusto riposo e arrivando ad avere ripercussioni anche gravi sulla loro quotidianità, con potenziali ripercussioni nell’età adulta.

Che problemi portano le apnee notturne nei bambini

Andando a inficiare la corretta respirazione con frequenti interruzioni del flusso respiratorio durante il sonno, le apnee notturne possono far crescere il nervosismo, abbassare il livello di attenzione e produttività dei bambini, oltre che ripercuotersi sul benessere generale e arrivare a compromettere la notte, che diventa inquieta e, spesso, insonne.

Ma non solo, infatti, i piccoli che soffrono di questo disturbo hanno maggiori possibilità di andare incontro a problemi di natura cardiovascolare e metabolica nel corso della loro vita adulta.

Da che cosa sono causate le apnee notturne nei bambini

Le prime avvisaglie di Osa si possono registrare già dal secondo anno di vita. Nei neonati e fino ai due anni di età, le cause sono da ricercare in fattori come ostruzioni nasali o faringee, ma anche per la forma del viso o anomalie del cranio e, più in generale, per sindromi generiche. Oltre i due anni, invece, concorre un’altra serie di cause: dalle classiche problematiche di adenoidi e tonsille() al sovrappeso, fino a peculiari conformazioni cranio-facciali.

Come si scopre se il bambino soffre di apnee notturne

Dal punto di vista sintomatologico, spiegano gli esperti della Fondazione Umberto Veronesi, esistono segnali più o meno evidenti che rivelano apnee notturne nei bambini. Durante il giorno, per esempio, lo sono il respirare con la bocca, la sonnolenza, il naso chiuso e la rinite cronica, il mal di testa al mattino, l’abbassamento del livello di concentrazione e il rallentamento della crescita.

Nelle ore notturne, invece, il campanello d’allarme più evidente e immediato è il russamento. A questo si aggiungono sudorazione, insonnia, pause nel respiro (che è spesso fatto con la bocca) e, poi, anuresi e aumento del senso di paura e agitazione.

Come si curano le apnee notturne nei bambini

Intervenire per correggere le apnee notturne è possibile e necessario a qualsiasi età, in special modo nei bambini. Come rivelato dai medici dell’ospedale del Bambin Gesù, con apnee di lieve entità è possibile ricorrere a una terapia medica a base di cortisonici nasali, da associare eventualmente a un farmaco antileucotrienico. Per i piccoli che presentano ipertrofia adenotonsillare significativa, dopo un consulto specialistico, è possibile ricorre ad adenotonsillectomia.

Qualora, invece, ci sia un problema di malocclusione della mascella, il consiglio è di passare da una terapia ortodontica. La ventilazione meccanica continua a pressione positiva è, infine, indicata per tutti quei casi in cui le apnee resistano nonostante intervento chirurgico o assenza di ipertrofie a livello di adenoidi e tonsille.

 

 

 
 
 

In sintesi

Perché è importate curare le apnee notturne

Curare le apnee notturne aiuta i bambini a recuperare energie mentali e fisiche, aumentando il loro livello intellettivo, la loro memoria e la loro capacità di linguaggio e apprendimento, con enormi benefici generali e nelle performance scolastiche.

Quali esami si svolgono per trovare le apnee notturne

Quando si sospetta di soffrire di apnee notturne, i primi accertamenti a cui ci si sottopone dopo una visita specialistica sono solitamente la pulsossimetria notturna e la polisonnografia.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti