Perché viene l’asma ai bambini?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2023 Aggiornato il 12/01/2023

Non appena il bebè tossisce di notte o emette un sibilo respirando si teme subito che questa malattia sia in agguato. In realtà, un attacco non è significativo. Ecco perché viene l’asma ai bambini e come intervenire

L'asma nei bambini è sempre più frequente. ecco tutte le cause e le cure
Come riconoscere se è asma?

L’asma è un’infiammazione cronica dei bronchi, che rende difficoltosa la respirazione. Questi organi a forma di tubo, che permettono all’aria di giungere dalla trachea ai polmoni, restano, infatti, sempre un po’ irritati e, quindi, più stretti della norma. Quando si scatena una vera e propria “crisi” di asma nei bambini, i bronchi si contraggono ancora di più e ostruiscono il passaggio dell’aria, provocando un senso di oppressione.

Quando preoccuparsi per l’asma nei bambini?

È molto difficile che questo disturbo compaia prima dei 2 anni. Al di sotto di questa età può capitare che il piccolo, in seguito a un raffreddore o a un altro disturbo da raffreddamento, fatichi a respirare ed emetta un sibilo, provocato dall’irritazione dei bronchi. Questo fenomeno, chiamato dai medici “bronchite asmatica o sibilante” o, all’ingelse, “wheezy bronchitis”, non indica affatto che il bimbo è destinato ad avere l’asma. Secondo i dati raccolti dagli esperti, infatti, circa il 20 per cento dei bambini ha avuto almeno un episodio di respiro sibilante nei primi 2 anni, mentre l’asma nei bambini sopra i 6 anni ha un’incidenza del 10-13 per cento. Questa percentuale poi diminuisce ulteriormente, in quanto il problema può anche scomparire completamente verso la pubertà.

Come inizia l’asma nei bambini?

Il primo e più caratteristico campanello d’allarme della bronchite asmatica nei bambini è la presenza di tosse persistente o ricorrente, generalmente secca e che si manifesta per lo più durante la notte. Quando il piccolo ha una crisi vera e propria, invece, fatica a respirare, può andare in affanno ed emette il tipico sibilo durante la respirazione.

Quali esami fare per scoprire l’asma nei bambini?

In genere, per verificare che il bimbo ha l’asma bronchiale, è sufficiente che il medico visiti attentamente il piccolo svolga un’accurata anamnesi, cioè si informi sulla sua “storia sanitaria” e quella dei familiari. Una volta accertata la presenza del disturbo, il pediatra di norma prescrive, o esegue direttamente, alcuni esami di approfondimento. Il piccolo è sottoposto, innanzitutto, alla spirometria, un test che permette di valutare le dimensioni dell’apertura dei bronchi. Per raccogliere i dati necessari, il bambino soffia dentro un apposito apparecchio chiamato spirometro, che misura il volume e i flussi di aria espirati. È utile, inoltre, eseguire alcune prove allergologiche cutanee (sulla pelle), per verificare se il piccolo è allergico a determinate sostanze.

Cosa può scatenare l’asma nei bambini?

La natura dell’asma non è ancora del tutto nota ma alcuni fattori aumentano le probabilità che i bambini sviluppino l’asma negli anni. Il piccolo è più esposto al rischio se uno o entrambi i genitori soffrono di asma o ha avuto la dermatite (irritazione della pelle) atopica nel primo anno di vita. Anche l’esposizione al fumo passivo di sigarette, sia quando il bimbo è ancora nel pancione, sia nei primi anni di vita predispone la comparsa del disturbo.

Se il bimbo è predisposto, alcune situazioni specifiche possono scatenare l’asma; il problema, infatti, può comparire in seguito a un’infezione virale delle vie respiratorie o per la presenza di inquinanti nell’ambiente domestico, come certi gas che si formano in seguito alla combustione (fornelli a gas, camino, vecchie caldaie e stufe a gas). L’asma può essere scatenata anche dall’inquinamento atmosferico dovuto alla concentrazione di ozono, di anidride solforosa e delle sostanze di scarico emesse dai veicoli.

L’asma compare solo nei bambini allergici?

No, l’attacco di asma può essere la conseguenza di uno sforzo fisico eccessivo e prolungato, in questo caso basta ridurre l’attività per eliminare la crisi. Negli altri casi, invece, pur essendo possibile che si manifesti anche in un bambino non allergico, è molto più spesso associata all’allergia. Ciò non significa, però, che la crisi sia sempre provocata da uno stimolo di natura allergica; a volte, infatti, la causa dell’attacco può essere un’infezione delle vie respiratorie, come mal di gola e raffreddore, o l’inquinamento dell’ambiente in cui si trova il piccolo.

È vero che l’allattamento al seno può prevenire l’asma nei bambini?

L’allattamento al seno è sempre consigliabile in ogni bambino in quanto è l’alimento che contiene le sostanze più simili al suo organismo e i nutrienti di cui ha più bisogno per uno sviluppo corretto. In particolare, il latte della mamma aiuta a proteggere i bambini predisposti. Gli studi effettuati, infatti, hanno dimostrato che l’allattamento al seno è molto utile per ritardare lo sviluppo dell’allergia e prevenire le forme più serie.

Lo smog aumenta l’asma nei bambini?

Diversi studi recentemente compiuti in varie città europee e italiane hanno evidenziato una relazione tra l’inquinamento  dell’aria dovuto al traffico urbano e gli attacchi di bronchite e di asma nei bambini. Del resto, lo smog cittadino, cioè causato dalle polveri presenti nei gas di scarico dei veicoli piuttosto che dagli impianti industriali, è ritenuto da diverso tempo uno dei principali fattori scatenanti dell’asma.

 

Quali sono le cure per l’asma nei bambini?

 

La cura varia sostanzialmente in base al tipo di asma di cui soffre il bambino. Se, infatti, il problema è lieve e si limita a comparire di tanto in tanto (meno di una volta al mese) le medicine sono necessarie solamente in occasione dell’attacco, proprio per farlo passare. Si tratta di farmaci broncodilatatori, che vanno inalati al bambino, in genere con uno spray. Quando, invece, il disturbo è più frequente o più intenso, occorre agire anche con una cura di mantenimento, cioè che tenga sotto controllo il problema e cerchi di prevenire le crisi. In questo caso il trattamento consiste sempre in farmaci dall’azione antinfiammatoria, di solito steroidi (cioè a base di cortisone).

In questi ultimi anni è stato messo a punto un nuovo gruppo di farmaci antinfiammatori per l’asma: gli anti leucotrienici. Si trovano in capsule e, quindi, vengono dati al bambino per bocca. Come gli steroidi, sono utili nella prevenzione del disturbo; attualmente, però, possono sostituire completamente questi farmaci solo nel caso dell’asma da sforzo. Per tutte le altre situazioni, invece, vanno associati ai corticosteroidi; rappresentano comunque un vantaggio perché permettono di ridurre il dosaggio di farmaci a base di cortisone che, se presi in quantità elevate, possono provocare anche effetti dannosi (come il rallentamento della crescita).

Per quanto tempo vanno presi i farmaci per l’asma nei bambini?

La durata della cura varia da persona a persona e dalla forma specifica di asma. Nella stragrande maggioranza dei bambini, comunque, i farmaci sono necessari solamente nel periodo in cui si manifestano le crisi, che può coincidere con l’inverno, cioè quando sono più frequenti le infiammazioni delle vie respiratorie. Se il bambino è allergico, invece, il problema può accentuarsi, per esempio, in primavera o in estate, ossia nei mesi di fioritura e impollinazione delle piante che scatenano le reazioni allergiche.

 

 

 

 

 
 
 

In sintesi

Come prevenire l’asma nei bambini?

Non vi è un modo per prevenire con assoluta certezza l’asma, ma alcuni accorgimenti permettono di limitare efficacemente il problema:

  •  è bene proteggere il bambino dai malanni del freddo, evitandogli forti sbalzi di temperatura e vestendolo a strati, in modo da adattare rapidamente l’abbigliamento alla temperatura dell’ambiente;
  •  quando il piccolo si ammala spesso all’asilo, il pediatra può suggerire di tenerlo a casa per qualche tempo, per cercare di ridurre la frequenza delle infezioni;
  •  in caso di asma frequente, i medici consigliano di fare eseguire al piccolo il vaccino antinfluenzale;
  •  se il bimbo è allergico alla polvere di casa, è bene usare per il suo letto il coprimaterasso e il copricuscino anti acaro (i microscopici animaletti della polvere che causano l’allergia).

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti