Asma nei bambini: rischio sale con smog e polveri sottili

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 20/10/2020 Aggiornato il 20/10/2020

I bambini che vivono in zone con un alto tasso di smog e inquinamento specie da polveri sottili, sono più vulnerabili all’asma e alla dispnea. Ecco come proteggerli

Asma nei bambini: rischio sale con smog e polveri sottili

Negli ultimi anni, si è registrata un’impennata dei casi di asma nei bambini unita a e dispnea (difficoltà respiratoria). Fra le varie cause ipotizzate dagli esperti alla base di questo aumento c’è anche lo smog. Ora è arrivata la conferma ufficiale. Secondo uno studio condotto in Danimarca, all’Università di Aarhus, e pubblicato sulla rivista British Medical Journal, infatti, l’inquinamento e le polveri sottili possono effettivamente aumentare il rischio di malattie respiratorie in età infantile.  

Uno studio molto ampio

Lo studio ha coinvolto oltre 3 milioni di bambini nati tra il 1997 e il 2014. Tutti sono stati seguiti da quando un anno fino al 15° compleanno. In questo lasso di tempo sono stati sottoposti a varie visite e questionari (anche con l’aiuto dei genitori). Non solo: gli autori hanno anche analizzato i livelli di inquinamento nelle zone in cui risiedevano. Lo scopo era capire se fra presenza di smog nell’ambiente e comparsa di malattie respiratorie ci fosse una qualche correlazione.

L’inquinamento indebolisce l’apparato respiratorio

Durante lo studio, sono state fatte 122.842 diagnosi di asma nei bambini o dispnea. Incrociando i vari dati raccolti, gli esperti hanno osservato che questi disturbi respiratori erano più frequenti nei bambini che vivevano in zone molto inquinate, specie a causa della presenza di polveri sottili (in particolare del particolato fine di diametro di 2,5 nanometri o inferiori). Questa correlazione è continuata a persistere anche quando sono stati presi in considerazione tutti i fattori di rischio noti per asma e dispnea, come l’abitudine della donna a fumare sigarette durante la gravidanza, un basso livello di istruzione dei genitori e altri casi di asma in famiglia.

Lo smog va contrastato

Gli studiosi hanno concluso che fra smog e malattie respiratorie dei bambini c’è una relazione. Secondo loro, adottando politiche mirate contro l’inquinamento ambientale e la riduzione delle polveri sottili, si potrebbero ridurre i nuovi casi di asma e dispnea in età pediatrica.

 

 

 
 
 

Da sapere!

La dispnea è una sensazione soggettiva di difficoltà respiratoria, transitoria o cronica. L’asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree, in cui si verifica un’ostruzione, in genere reversibile, dei bronchi. Queste due malattie sembrano avere una relazione forte con l’inquinamento ambientale e la presenza di polveri sottili.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti