Autismo: c’è un legame con la flora batterica intestinale?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/07/2014 Aggiornato il 07/07/2014

Secondo un recente studio, la flora batterica intestinale dei bambini che soffrono di autismo ha una composizione diversa da quella dei bambini sani

Autismo: c’è un legame con la flora batterica intestinale?

L’autismo è una malattia complessa, le cui cause, genetiche e non, non sono ancora completamente conosciute. Anche per questo si realizzano continuamente nuovi studi, allo scopo di fare chiarezza. L’ultimo ha analizzato il legame fra questo disturbo e la flora batterica intestinale.

Le analisi fatte

La ricerca è stata effettuata da un team di ricercatori americani della Arizona State University e presentata durante il meeting annuale della American Society for Microbiology. Ha riguardato un gruppo di bambini affetti da autismo e un gruppo di bambini sani. In tutti, i ricercatori hanno eseguito delle analisi delle feci, per la ricerca dei metaboliti, ossia i prodotti del metabolismo, dei batteri intestinali. Lo scopo era capire se fra la composizione della flora batterica intestinale e la malattia ci fosse un qualche legame.

Colpa dei batteri

Dall’analisi dei risultati è emerso che i bambini con autismo presentavano una flora batterica intestinale differente dai bimbi sani. Su 50 composti analizzati, infatti, sette erano presenti in concentrazioni diverse nelle feci del primo gruppo di partecipanti. “La maggior parte dei batteri intestinali è benefica.
 Tuttavia, se lasciati senza controllo, possono secernere metaboliti dannosi o andare ad alterare equilibri che possono danneggiare l’intestino stesso o il resto del corpo, incluso il cervello” ha spiegato Dae-Wook Kang, uno degli autori della ricerca.

Ripercussioni sul cervello

Gli studiosi hanno concluso che probabilmente nei bambini autistici si verificano delle alterazioni intestinali che potrebbero in qualche modo riflettersi a livello cerebrale e influire sulla comparsa della malattia. 

In breve

IN NUMERI DELL’AUTISMO

In Italia si stima che almeno 400.000 famiglie abbiano un familiare con autismo. La malattia è in crescita, probabilmente anche perché oggi è più facile riconoscere i segnali anche precoci. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti