Autismo: così il dna lascia il segno nel cervello

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 17/08/2018 Aggiornato il 17/08/2018

Ecco come la mutazione genetica provoca danni a livello cerebrale nei bambini colpiti da autismo

Autismo: così il dna lascia il segno nel cervello

Uno studio italiano è stato in grado di osservare la zampata del Dna che taglia i ponti nel cervello dei bambini affetti da autismo. La scoperta, divulgata sulla rivista medica Brain, è stata effettuata dall’Istituto italiano di tecnologia di Rovereto in collaborazione con l’Università di Pisa: grazie a delle innovative strategie, ha permesso ai ricercatori di scoprire come le mutazioni genetiche siano capaci di alterare le funzioni e la struttura del cervello. Lo studio è stato finanziato dalla Simons Foundation for Autism Research Initiative, è stato condotto in collaborazione con le Università di Verona e Torino, il Consiglio Nazionale delle Ricerche di Catanzaro, il Laboratorio europeo di biologia molecolare a Monterotondo e il S. Anna Institute and Research in Advanced Neuro-Rehabilitation a Crotone.

Lo studio in 3D

Nel corso dello studio gli esperti hanno esaminato il cervello di 30 bambini autistici, ricostruendolo in 3D. Tutti avevano in comune una mutazione genetica conosciuta con il nome di deplezione 16p11.2, associata all’isolamento della corteccia prefrontale che non è più in grado di comunicare con il resto del cervello. A scatenare le tipiche anomalie che contraddistinguono l’ autismo, come la difficoltà a instaurare rapporti interpersonali, sarebbe proprio questo problema di comunicazione.

Previsioni per il futuro

Alessandro Gozzi dell’Istituto italiano di tecnologia di Rovereto spiega: “Ci aspettiamo che questo tipo di approccio permetta di identificare in maniera oggettiva quante e quali forme di autismo esistano, un prerequisito fondamentale per l’identificazione di future terapie mirate”. I ricercatori, inoltre, stanno già pensando ai prossimi passi da compiere: quello cioè di approfondire altre mutazioni genetiche legate ai disturbi dello spettro autistico e gli effetti sulla comunicazione in modo da comprendere meglio le differenze esistenti tra le varie forme dell’ autismo.

Come riconoscere i sintomi

Solitamente i sintomi dell’autismo compaiono durante i primi tre anni di vita del bambino e spesso sono accompagnati da ritardo mentale lieve, medio o grave. I bambini mostrano da subito difficoltà comunicative, emotive e di linguaggio, non interagiscono, non mostrano interesse verso le altre persone, non rispondono al proprio nome, si chiudono in se stessi e non giocano con gli altri bambini.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I segni tipici dell’autismo sono: movimenti degli arti ripetitivi, lateralità dello sguardo, ovvero difficoltà a incrociare lo sguardo delle persone, e ripetitività nell’eseguire alcune attività.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti