Autismo: in Italia servizi ancora carenti

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 20/05/2019 Aggiornato il 20/05/2019

Le carenze dei professionisti nella comprensione di alcune manifestazioni peculiari dell'autismo ritardano le diagnosi e complicano la gestione del problema

Autismo: in Italia servizi ancora carenti

In Italia per garantire alle persone con autismo equità di accesso ai servizi sanitari la strada da percorrere è ancora lunga. A sostenerlo è lo psichiatra Marco Bertelli, segretario scientifico della Fondazione Italiana Autismo e presidente della Società italiana per i disturbi del neurosviluppo.

Servizi territoriali in difficoltà

Lo psichiatra spiega che nel nostro Paese l’autismo colpisce circa un bambino su 77, mentre in età adulta il numero di soggetti interessati da questa patologia sembra ridursi, passando a 1 su 100: poiché questo disturbo del neurosviluppo è una condizione che caratterizza la persona per tutta la vita, la differenza tra i due dati – altrimenti inspiegabile – sarebbe causata proprio dalla difficoltà che i servizi psichiatrici territoriali incontrano nel prendersi cura dei pazienti una volta che questi, compiuto il diciottesimo anno di età, non possono più essere seguiti dai servizi di neuropsichiatria infantile.

Il ricorso al privato

Precisa Francesco Cro, psichiatra del Dipartimento di salute mentale di Viterbo, il problema “vale soprattutto per i pazienti con difficoltà nell’ambito della comunicazione, dell’apprendimento e dell’adattamento, definiti ‘a basso funzionamento’: sia i servizi pubblici ambulatoriali sia quelli ospedalieri sembrano non rispondere adeguatamente alla loro domanda di salute, costringendo spesso le famiglie a ricorrere a specialisti privati, con aggravio economico non indifferente”.

Migliorare la formazione

Bertelli conclude che bisogna ripartire dalla formazione per superare le attuali carenze dei professionisti della salute mentale. La maggior parte degli specialisti e dei medici di medicina generale, infatti, attualmente non sembra essere in possesso delle competenze necessarie per riconoscere le specifiche manifestazioni psicopatologiche di questi pazienti: tanto per fare un esempio – spiega lo – la depressione nelle persone con autismo si presenta con perdita dell’appetito e comportamenti autolesionistici, piuttosto che con la “classica” tristezza.

 

Da sapere!

I sintomi con cui si manifesta l’autismo sono differenti tra maschi e femmine.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti