Autismo: sono i cani i migliori dottori!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/03/2013 Aggiornato il 02/03/2013

Da uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità è emerso che la compagnia dei cani migliora il comportamento dei bambini affetti da autismo

Autismo: sono i cani i migliori dottori!

Cani e gatti migliorano i comportamenti dei bambini affetti da autismo. Di studi in merito ce ne sono stati tanti, l’ultimo è quello pubblicato sul Journal of Alternative and Complementary Medicine, condotto da un team di ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità, coordinati da Francesca Cirulli ed Enrico Alleva, dopo aver passato in rassegna sei pubblicazioni scientifiche dedicate all’autismo.

In particolare lo studio ha messo in evidenza che l’interazione con un cane, da assistenza (per esempio per i non vedenti) o co-terapeuto, può aiutare i bambini autistici a sviluppare emozioni e legami affettivi, stimolandone le capacità comunicative e relazionali.

“Gli studi dimostrano che l’introduzione di un cane da assistenza in ambito famigliare con bambini affetti da autismo diminuisce l’ansia e l’aggressività – spiega Cirulli – oltre a rendere più sicuri i genitori e a migliorare la quantità e la qualità del loro sonno. Altre indagini hanno evidenziato una diminuzione dei livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, in presenza del cane e, al contrario, un aumento dello stesso quando l’animale veniva allontanato”.



Alessandra Berry e Marta Borgi, tra gli autori dello studio, aggiungono: “Risultati analoghi sono stati ottenuti con i cani impiegati nelle attività assistite, addestrati a entrare in interazione con uomini e bambini. I bambini autistici, in presenza del cane, diventavano più socievoli, per esempio parlavano con il cane e del cane con il terapista. Le manifestazioni ossessive e aggressive venivano annullate da sorrisi, contatti fisici amichevoli, gesti affettuosi e atteggiamenti di socievolezza tra coetanei e con gli adulti. Questo avviene perché gli animali, soprattutto i cani, sono in grado di dare risposte affettive, reagire con comportamenti di tipo sociale e ispirare sentimenti positivi. In questo mostrano di possedere una capacità unica: quella di agire, in specifici contesti ludici o terapeutici, come un ponte attraverso cui fluiscono le emozioni, e di fungere da catalizzatore sociale”.

In breve

AUTISMO, UNA MALATTIA CHE ISOLA DAL MONDO

L’autismo è un serio disturbo che interessa la funzione cerebrale. Chi ne soffre mostra significative difficoltà comunicative e a interagire con le persone. Tutti ricorderanno il film Rain Man dell’88 con Tom Cruise e Dustin Hoffman, nei panni del fratello affetto da autismo. Non sono ancora note le cause di questo disturbo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti