Autismo: sono i cani i migliori dottori!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/03/2013 Aggiornato il 02/03/2013

Da uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità è emerso che la compagnia dei cani migliora il comportamento dei bambini affetti da autismo

Autismo: sono i cani i migliori dottori!

Cani e gatti migliorano i comportamenti dei bambini affetti da autismo. Di studi in merito ce ne sono stati tanti, l’ultimo è quello pubblicato sul Journal of Alternative and Complementary Medicine, condotto da un team di ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità, coordinati da Francesca Cirulli ed Enrico Alleva, dopo aver passato in rassegna sei pubblicazioni scientifiche dedicate all’autismo.

In particolare lo studio ha messo in evidenza che l’interazione con un cane, da assistenza (per esempio per i non vedenti) o co-terapeuto, può aiutare i bambini autistici a sviluppare emozioni e legami affettivi, stimolandone le capacità comunicative e relazionali.

“Gli studi dimostrano che l’introduzione di un cane da assistenza in ambito famigliare con bambini affetti da autismo diminuisce l’ansia e l’aggressività – spiega Cirulli – oltre a rendere più sicuri i genitori e a migliorare la quantità e la qualità del loro sonno. Altre indagini hanno evidenziato una diminuzione dei livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, in presenza del cane e, al contrario, un aumento dello stesso quando l’animale veniva allontanato”.



Alessandra Berry e Marta Borgi, tra gli autori dello studio, aggiungono: “Risultati analoghi sono stati ottenuti con i cani impiegati nelle attività assistite, addestrati a entrare in interazione con uomini e bambini. I bambini autistici, in presenza del cane, diventavano più socievoli, per esempio parlavano con il cane e del cane con il terapista. Le manifestazioni ossessive e aggressive venivano annullate da sorrisi, contatti fisici amichevoli, gesti affettuosi e atteggiamenti di socievolezza tra coetanei e con gli adulti. Questo avviene perché gli animali, soprattutto i cani, sono in grado di dare risposte affettive, reagire con comportamenti di tipo sociale e ispirare sentimenti positivi. In questo mostrano di possedere una capacità unica: quella di agire, in specifici contesti ludici o terapeutici, come un ponte attraverso cui fluiscono le emozioni, e di fungere da catalizzatore sociale”.

In breve

AUTISMO, UNA MALATTIA CHE ISOLA DAL MONDO

L’autismo è un serio disturbo che interessa la funzione cerebrale. Chi ne soffre mostra significative difficoltà comunicative e a interagire con le persone. Tutti ricorderanno il film Rain Man dell’88 con Tom Cruise e Dustin Hoffman, nei panni del fratello affetto da autismo. Non sono ancora note le cause di questo disturbo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti