Baci sulla bocca ai bimbi possono favorire la carie ai denti

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 20/08/2018

Il sistema immunitario dei bambini piccoli non funziona ancora a pieno regime. Ecco perché anche i baci sulla bocca di mamma e papà possono essere fonte di contagio

Gli esperti sconsigliano ai genitori di dare i baci sulla bocca ai bimbi perché possono essere veicolo di germi e batteri, soprattutto prima che siano spuntati i dentini da latte, per non trasmettere batteri nocivi ai più piccoli ed evitare il rischio di carie. Il consiglio arriva dagli esperti della Wimpole Street Dental di Londra. Dall’ex calciatore David Beckham al campione di football Tom Brady, quarterback dei New England Patriots, sono diversi gli esempi di personaggi famosi che hanno l’abitudine di dare baci sulla bocca ai figli, ma gli specialisti spiegano che ciò aumenta il rischio di carie, perché la dentatura da latte non ha la forza di resistere all’effetto dannoso dei batteri ed è quindi suscettibile alle infezioni.

Veicolo di infezioni

Secondo gli scienziati inglesi, mamme e papà devono essere cauti con i bambini piccoli per quanto riguarda i baci sulla bocca: il trasferimento di saliva può diffondere batteri come lo Streptococco mutans, responsabile della carie ai denti, danneggiare i denti da latte e influenzare i tessuti molli e le gengive prima che questi denti si siano sviluppati.

Un problema in crescita

Nel mondo la carie colpisce circa il 60% di bambini e adolescenti sotto i 16 anni e quelli che ne soffrono hanno 4 volte più probabilità di avere un rendimento scolastico ridotto rispetto ai coetanei a causa dei fastidi in bocca. Per arginare il problema è importante che i bambini non ingeriscano il dentifricio quando si lavano i denti e sottoporli a controlli regolari dal dentista dai 6 mesi in poi, quando spunta il primo dentino, a 2 o 3 anni ogni 6 mesi.

Importante l’igiene orale

Fin da piccoli i genitori devono trasmettere ai figli le buone pratiche di una corretta igiene orale: spazzolare i denti dopo ogni pasto per almeno 2-3 minuti, sia quelli anteriori sia quelli posteriori, e sostituire lo spazzolino almeno ogni due mesi. Tutti i medici concordano poi su un punto: le corrette abitudini di igiene orale vanno acquisite durante l’infanzia, per poi essere rafforzate durante l’adolescenza.
 

 

 
 
 

Da sapere!

Altri contagi possono verificarsi tramite i baci sulla bocca tra genitore e figlio: raffreddore, influenza, virus dell’herpes labiale. Per limitare il rischio di contagio è bene anche evitare la condivisione delle posate e l’abitudine di soffiare sul cibo per raffreddarlo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Cosa mangiare in allattamento?

In allattamento si può continuare a mangiare tutto quello che si assumeva in gravidanza, compresi cipolle, cavoli, e spezie piccanti. L'unica restrizione riguarda l'alcol, come nei mesi dell'attesa: non bisogna assumerlo neanche occasionalmente.   »

Bimbo che non vuole stare a pancia in su e rischio di SIDS

Almeno fino ai sei mesi di vita è importante cercare di indurre il bambino a mantenere la posizione supina durante il sonno. E se si gira sempre? Si può provare un trucco ...  »

Gemellina e addio al pannolino

Può accadere che un bambino non faccia volentieri la pipì nel water perché non si sente sicuro per le più svarite ragioni (che i genitori possono facilmente scoprire).  »

Fai la tua domanda agli specialisti