Bambini al mare e in piscina: le regole di sicurezza

Metella Ronconi
A cura di Metella Ronconi
Pubblicato il 05/08/2019 Aggiornato il 05/08/2019

I consigli per la sicurezza dei bambini in spiaggia e non solo per prevenire incidenti dagli esiti talvolta fatali

Bambini al mare e in piscina: le regole di sicurezza

Per ridurre al minimo i possibili rischi per i piccoli e godersi in tutta tranquillità le vacanze al mare basta seguire alcune semplici regole. Un apposito decalogo è stato realizzato dal pediatra Italo Farnetani che da anni si occupa della consegna delle Bandiere verdi dei pediatri alle spiagge che vengono approvate come “a misura di bambino” e di famiglia. Ecco dunque come garantire la sicurezza dei bambini al mare e in piscina.

Sì ai corsi di nuoto

I punti fondamentali da tenere a mente per garantire la sicurezza dei bambini al mare e in piscina riguardano prima di tutto il saper nuotare. Il principale pericolo, infatti, è l’annegamento: dunque la migliore prevenzione è che i piccoli siano in grado di nuotare cominciando già all’età di tre anni, preferibilmente al mare perché devono imparare a non avere paura di schizzi, acqua profonda e a saper nuotare sott’acqua con gli occhi aperti. In caso contrario devono tenere sempre i braccioli e, se hanno meno di 12 anni, devono sempre entrare in acqua con un adulto. È fondamentale accertarsi della presenza nelle vicinanze del Servizio di salvataggio, con bagnini professionisti. Vanno evitate le zone dove si praticano sport acquatici, pesca, gare e controllate sempre le bandiere del salvataggio: se è issata la gialla o la rossa non si deve fare il bagno.

Precauzioni in spiaggia e fuori

Scegliere mari puliti con acque limpide perché l’acqua limpida è già di per sé una forma di prevenzione degli incidenti, dato che consente di identificare gli ostacoli sommersi. Importante anche accertarsi della pulizia della spiaggia. È importante poi che il bambino entri in acqua piano per adattare il corpo alla temperatura del mare, specialmente se l’acqua è fredda. Deve evitare di tuffarsi in mare o in piscina senza conoscere la profondità dell’acqua, per evitare traumi e lesioni. La pelle va sempre protetta sia con creme solari da applicare ogni due ore sia da un cappellino, evitando in ogni caso l’esposizione tra le 12 e le 17, specialmente se il bambino ha meno di quattro anni. Fondamentale rispettare i tempi di digestione per evitare il pericolo di congestione.

 

 

Da sapere!

Quando si viaggia in auto con un bambino mai fermarsi al sole, nemmeno per soste brevi, ma cercare sempre un parcheggio all’ombra.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho usato un coltello sporco: rischio la toxoplasmosi?
19/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non si è immune alla toxoplasmosi, durante la gravidanza è sempre meglio non usare lo stesso coltello sia per sbucciare la frutta non lavata sia per affettarla.   »

Fibroma e gravidanza
05/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono fibromi che per collocazione e dimensione non interferiscono sulla possibilità di iniziare e portare a termine una gravidanza,  »

Terzo cesareo a due anni dal secondo: quali pericoli?
22/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

In realtà i rischi legati a un terzo cesareo sono più o meno gli stessi dei due cesarei precedenti.   »

Fai la tua domanda agli specialisti