Bambini: come scegliere le scarpe giuste?

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 26/09/2019 Aggiornato il 26/09/2019

Gli specialisti ricordano l’importanza di lasciare i bambini a piedi nudi, quando possibile. E per quanto riguarda la scelta delle scarpe giuste…

Bambini: come scegliere le scarpe giuste?

Bisognerebbe lasciare i bambini il più possibile scalzi, per un corretto sviluppo del piede. A ribadirlo è Osvaldo Palmacci, medico dell’Unità operativa di ortopedia del Bambino Gesù-Palidoro di Roma, che spiega: «Camminare su terreni propriocettivi, come l’erba, che hanno delle asperità, sono cedevoli, e pertanto mettono in difficoltà il piede, serve come momento di sviluppo corretto del piede, poiché potenzia i muscoli della gamba, che sono per lo più cavizzanti, ovvero muscoli che favoriscono, attraverso inserzioni tendinee, il corretto sviluppo del piede. In questi terreni, così come in casa, il consiglio è di lasciare, quando possibile, i bambini a piedi nudi».

Piedini fondamentali

Il piede è l’organo propriocettivo per eccellenza. La sua rappresentazione corticale nella parte sensitiva del cervello è più estesa di quella della mano. Usando l’esperienza e la ricezione di stimoli sensoriali, interagisce con l’ambiente aiutandoci a sorreggerci. Ma può farlo solo se a diretto contatto con il terreno. Senza contare il senso di libertà che regala ai bambini la sensazione del piede nudo sul pavimento o sull’erba. Inoltre questa abitudine assicura un continuo contatto con l’ambiente che li circonda che ne favorisce l’esplorazione e stimola la conoscenza.

Scarpe deformabili

Ma per uscire, come scegliere le scarpe giuste per i bambini? «Devono rispondere a tre caratteristiche: comodità, leggerezza e deformabilità – risponde Palmacci – Il piede deve essere libero di “deformare” la scarpa con la sua impronta. Una calzatura rigida limita i movimenti e riduce la possibilità per il piede di percepire l’ambiente esterno ».

Comode e leggere

Inoltre le scarpe giuste per i bambini devono essere comode e leggere, affinché il piccolo possa muoversi con scioltezza e agilità. Sfatato invece il legame con possibili problemi alla colonna: l’incidenza della calzatura è irrilevante. Se un bambino riporta dolori o problemi alla schiena, non conta la scelta delle scarpe. È bene comunque rivolgersi a uno specialista ortopedico che farà indagini approfondite ed esami come la risonanza magnetica. 

 

 
 
 

Una curiosità

La propriocezione è la capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio, anche senza il supporto della vista.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti