Bambini con psoriasi, una Scuola per fare ricerca

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 11/08/2021 Aggiornato il 11/08/2021

I bambini con psoriasi sono numerosi e possono subire limitazioni nella vita quotidiana. Per aiutarli, la Scuola della Psoriasi continua a fare ricerca

Bambini con psoriasi, una Scuola per fare ricerca

Aree di pelle arrossata, desquamazione, con prurito e fastidio. Ecco come si presenta la psoriasi, una malattia cronica della cute che riguarda gli adulti ma anche tanti giovanissimi, che ne subiscono le conseguenze anche sociali. Secondo gli esperti, i bambini con psoriasi sono sempre più numerosi. Alcune società scientifiche, per gestire questa malattia, si sono unite per dare vita alla Scuola della Psoriasi.

La Scuola della Psoriasi

La Scuola della Psoriasi è un progetto educativo che unisce diversi specialisti nella gestione a 360 gradi della malattia, per creare un linguaggio comune e condiviso ed équipe di persone esperte che, interagendo in modo produttivo, possano gestire la malattia. Tra gli obiettivi c’è l’educazione dei bambini con psoriasi (e anche degli adulti) per promuovere una maggiore aderenza alle cure, con l’aiuto di medici di medicina generale, pediatri e dermatologi.

Una malattie di origine autoimmune

La psoriasi è una malattia infiammatoria della pelle, cronica, non contagiosa e di tipo autoimmune. L’organismo, cioè, rivolge contro se stesso reazioni difensive, attaccando in questo caso la pelle. Compaiono chiazze rossastre più o meno ampie, ricoperte da squame grigio-argentee dove la pelle è secca e ispessita. È probabilmente legata a predisposizione genetica, ma può essere scatenata da situazioni come stress, prodotti per la pulizia aggressivi, lesioni da grattamento.
La risposta infiammatoria induce la crescita di nuove cellule cutanee a un ritmo più rapido del normale. Questo si traduce in un ispessimento della pelle e nello sviluppo di chiazze, dovute all’accumulo di cellule sulla superficie della pelle. In questa reazione di difesa eccessiva sembra essere coinvolta una proteina, l’interleuchina 17-A, che è presente in elevate quantità nei soggetti con psoriasi.

L’impatto sulla vita di tutti i giorni

La psoriasi non è un problema limitato semplicemente alla pelle. Influenza la vita quotidiana di chi ne soffre e i malati possono provare stress, frustrazione, imbarazzo e malessere fisico.
I bambini con psoriasi, soprattutto, tendono a isolarsi per paura di prese in giro e purtroppo non di rado sono oggetto di bullismo. Ecco perché è essenziale non sottovalutare il disturbo.
Ci si deve rivolgere a un dermatologo che potrà fare la diagnosi attraverso l’esame clinico delle lesioni. In caso di dubbio, si può effettuare un esame istologico per distinguere la psoriasi da infezioni da funghi o batteri. L’andamento della malattia durante le cure viene monitorato attraverso il punteggio Pasi (Psoriasis Area and Severity Index) che considera l’estensione delle lesioni, l’eritema, l’infiltrazione cutanea e la desquamazione.

Le possibili cure

La psoriasi si affronta con pomate emollienti, cortisone, prodotti a base di vitamina D e dei suoi derivati. Oggi si utilizza anche secukinumab, primo anticorpo monoclonale approvato per la cura sistemica della psoriasi a placche da moderata a severa. Secukinumab neutralizza selettivamente l’interleuchina-17A (IL-17A). Anche lo stile di vita è importante soprattutto nei bambini con psoriasi.
È il caso di approfittare dell’estate, perché il mix di minerali presente nell’acqua di mare esercita una benefica azione sulla pelle. Inoltre i raggi ultravioletti svolgono un effetto antinfiammatorio sulla pelle, riducendo il rapido rinnovamento cellulare che è alla base della psoriasi. Il sole aumenta la sintesi di vitamina D, che regola il sistema immunitario riducendo la reazione autoimmune. Infine, la luce solare agisce stimola endorfine, neurotrasmettitori che favoriscono il buonumore e riducono dello stress. L’esposizione deve essere graduale: si inizia nelle ore meno calde e per pochi minuti, aumentando poco per volta per dare modo alla pelle di abituarsi. Va sempre applicato un solare con fattore di protezione di almeno 30.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Un disturbo simile alla psoriasi è la dermatite atopica, frequente nei bambini. Le manifestazioni cutanee sono abbastanza simili, ma è diversa la causa. La dermatite atopica è dovuta ad un’alterazione della barriera della pelle e a una base allergica. Va curata dal dermatologo.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti