Bambini, in crescita le infezioni da batteri antibiotico-resistenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/05/2017 Aggiornato il 08/05/2017

Cresce a ritmi impressionanti la diffusione di batteri antibiotico-resistenti tra i più giovani, compresi bambini e neonati. L’allarme è partito dall’America ma vale anche per il nostro Paese

Bambini, in crescita le infezioni da batteri antibiotico-resistenti

Un allarmante aumento delle infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici tra bambini e ragazzi preoccupa gli esperti: soltanto negli Stati Uniti la percentuale è cresciuta del 700% nel giro di otto anni,  in particolare per quanto riguarda le infezioni causate da enterobatteri resistenti agli antibiotici.

Più tempo in ospedale

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Journal of the Pediatric Infectious Diseases Society dai ricercatori della Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland, i minori colpiti da queste infezioni tendono a restare in ospedale più a lungo e corrono un maggior rischio di morte. I neonati poi sono i più a rischio.

Aumento del 700% in otto anni

La ricerca è stata condotta sui dati clinici di circa 94.000 pazienti di età inferiore ai 18 anni, ricoverati presso 48 ospedali pediatrici degli Stati Uniti con una diagnosi di infezione da batteri della famiglia Enterobatteriacee che oltre a includere batteri innocui, comprende anche agenti patogeni come la salmonella e l’Escherichia coli. Al termine dell’indagine, gli autori hanno scoperto che la percentuale di infezioni dovute a batteri resistenti agli antibiotici è passata dallo 0,2% del 2007 all’1,5% nel 2015, registrando un aumento superiore a sette volte nell’arco di soli otto anni.

Pochi antibiotici pediatrici

I ricercatori, infine, hanno rilevato che oltre il 75% delle infezioni antibiotico-resistenti era già presente quando i giovani erano stati ricoverati in ospedale. Il problema è ancora più complicato innanzitutto perché ci sono meno antibiotici approvati per i giovani rispetto a quelli per gli adulti.

Problema anche in Europa

Il problema della resistenza ai farmaci è stato denunciato anche dall’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) e dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) che riporta un aumento di batteri resistenti agli antibiotici nell’uomo, negli animali e nei cibi, con il risultato che le infezioni causate da batteri resistenti agli antimicrobici portano a circa 25.000 decessi nell’Unione Europea ogni anno.

Italia, Paese a rischio

L’antibiotico resistenza non è uguale dappertutto, ma varia da paese a paese. L’Italia è tra i Paesi più a rischio perché è tra quelli dove i batteri, a causa dell’uso massiccio di antibiotici negli ultimi decenni, sono divenuti più resistenti. Il nostro Paese infatti è al quinto posto per utilizzo giornaliero di antibiotici dopo Grecia, Francia, Lussemburgo e Belgio.

Da sapere

NO AL FAI DA TE ANTIBIOTICO

Troppe volte in Italia si usa dare gli antibiotici senza sentire il parere del medico, interrompendo prima del tempo la terapia o variando le dosi. Gli antibiotici, invece, vanno dati seguendo scrupolosamente le indicazioni del medico.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti