Bambini dal dentista: per colpa della crisi, una famiglia su tre non li porta più

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/05/2013 Aggiornato il 03/05/2013

Due milioni di bambini non vanno dal dentista per colpa della crisi e rischiano, quindi, seriamente di non ricevere le cure necessarie

Bambini dal dentista: per colpa della crisi, una famiglia su tre non li porta più

Nel nostro Paese due milioni di bambini non vanno dal dentista. L’allarme è stato lanciato dai docenti di odontoiatria, riunitisi di recente in congresso. A causa della crisi economica che ha toccato tante famiglie, oggi i genitori portano i bambini dal dentista per la prima visita, ma poi si vedono costretti a rinunciare alle terapie: alcuni definitivamente, mentre altri chiedono se è possibile “mettere l’apparecchio dopo un paio d’anni”. E poiché un bel 90 per cento dei piccoli ne avrebbe bisogno, succede che un numero sempre più alto di persone si rivolge alle strutture pubbliche, che però non riescono a stare dietro alle richieste e rischiano di collassare.
Nel 2012 le richieste di apparecchi ortodontici (che costano dai 4.500 ai 6.500 euro), per correggere i denti, sono calate del 40 per cento; nel contempo è cresciuta la richiesta di pagamenti dilazionati e prestiti, e c’è addirittura, affermano i medici, chi chiede un anticipo del Tfr per portare i bambini dal dentista e pagare le cure di cui hanno bisogno.

Una proposta per aiutare le famiglie

Per ridurre il carico economico sulle famiglie, senza gravare nello stesso tempo sullo Stato, il Collegio dei professori universitari, le Associazioni dei professionisti e le imprese del settore hanno approvato un documento con cui si chiede la possibilità di detrarre dalle imposte le spese dentistiche e di offrire benefici fiscali agli studi che investono in innovazioni tecnologiche. L’obiettivo è anche combattere la piaga dell’evasione, a fronte di un fatturato di 6 miliardi di euro di spesa da parte degli italiani. Il provvedimento dovrebbe anche ridurre l’abusivismo che riguarda 15mila “operatori” che, oltre a evadere le tasse, sono un pericolo per la salute. E contrastare infine il fenomeno degli italiani che si recano all’estero per ricevere le cure odontoiatriche a prezzi più convenienti.

In breve

MENO CURE = MENO PREVENZIONE

Per tanti bambini non poter accedere alle cure odontoiatriche per motivi economici significa anche non poter fare prevenzione. Cosa che comporta il peggioramento degli eventuali problemi esistenti nonchè un aumento delle spese per curarli.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti