Bambini diabetici: niente più punture

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 03/12/2018 Aggiornato il 03/12/2018

Un nuovo dispositivo, che misura la concentrazione di glucosio nel sangue senza necessità di punture, può migliorare la qualità della vita dei bambini diabetici. Come funziona

Bambini diabetici: niente più punture

In Italia sono 11mila i bambini e gli adolescenti con diabete di tipo 1; le persone con diabete sono 3 milioni e 500mila, quelle con ridotta tolleranza al glucosio (IGT, il cosiddetto prediabete) sono più di 2 milioni. Il diabete è una malattia che può condizionare molto la vita, soprattutto quella dei bambini diabetici, e della quale non sempre ci si accorge in maniera precoce.

Meno rischi di ipoglicemia

Secondo Antonio Ceriello, direttore dell’Irccs Multimedica di Milano, uno dei problemi più sentiti nella gestione della malattia, soprattutto se in caso di bambin diabetici, consiste nell’obbligo di sottoporsi a continue punture. Oggi grazie ai sistemi di microinfusione continua è possibile ovviare al disagio di iniettarsi l’insulina più volte al giorno e, con la tecnologia del monitoraggio continuo, si può avere sotto controllo in tempo reale la glicemia senza ricorrere alle punture. Tutto ciò mette al riparo i piccolo pazienti dalla complicanza più diffusa (che produce più ricoveri), cioè l’ipoglicemia.

Il nuovo dispositivo

Si tratta di un microinfusore per insulina, impermeabile e privo di tubi, ha le dimensioni di un “micro-mouse”: viene indossato a diretto contatto con il corpo grazie a un adesivo e fornisce fino a 3 giorni di somministrazione continua di insulina (200 unità) senza la necessità di praticare iniezioni. Il sistema Omnipod comprende anche un palmare che gestisce l’erogazione dell’insulina in modalità wireless in base alle impostazioni personali programmate.

Una vita più libera

La nuova tecnologia permette ai bambini diabetici ma anche ai loro genitori, di condurre una vita normale senza dover seguire una rigida tabella di alimentazione perché al riparo dalle crisi ipoglicemiche grazie al monitoraggio continuo della glicemia. Inoltre nessuno sport è precluso: il dispositivo è impermeabile e il bimbo può non soltanto fare la doccia ma anche andare sott’acqua fino a oltre 7 metri.

 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

La prevalenza del diabete in Italia, come riporta il rapporto Arno Diabete del 2017, è quasi raddoppiata e attualmente è del 6,34 per cento su scala nazionale. Gli esperti stimano che i casi di diabete non riconosciuto rappresentino il 20 per cento del totale. In pratica un caso di diabete su 5 sarebbe non diagnosticato.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti