Bambini in auto: le regole da ricordare

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 18/07/2019 Aggiornato il 18/07/2019

Ancora troppi incidenti stradali riguardano i bambini, specialmente i più piccoli. Le regole da ricordare per chi viaggia con i bambini in auto

Bambini in auto: le regole da ricordare

Mai più bambini vittime della strada: è l’impegno dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma e della Fondazione Ania (Associazione nazionale imprese assicuratrici). Sono i bambini piccoli a correre un rischio maggiore di riportare lesioni gravi in caso di incidente stradale in auto. Ciò è dovuto alla loro scarsa resistenza muscolare, alla delicatezza degli organi e alla minore capacità di reagire. Secondo i dati Aci-Istat elaborati da Fondazione Ania, nel 2017, in Italia, le vittime della strada sono state 3.378 (80% maschi). Di queste, 43 bambini da 0 a 14 anni. La maggior parte degli incidenti è avvenuta in città, su percorsi brevi e a scarsa velocità di percorrenza.  Da qui la necessità di ricordare le regole per i bambini in auto,  anche in vista del grande esodo estivo.

Mai in braccio

In queste situazioni – sottolineano gli esperti – si tende a sottovalutare il pericolo scegliendo di tenere il bambino in braccio, se si lamenta o piange, anziché posizionarlo sul seggiolino. Ma in caso di impatto, anche a bassa velocità, sul bambino viene impressa una forza d’urto talmente elevata che neanche un adulto è in grado di trattenerlo.

Sempre nel seggiolino

La sicurezza dei bambini in auto è garantita dall’uso corretto dei sistemi di ritenuta (seggiolini, adattatori, cinture) che consentono di evitare traumi, lesioni e riducono del 70% le probabilità di perdere la vita in caso di incidente. Questi dispositivi si dividono in 5 gruppi in base alle caratteristiche tecniche, all’età e al peso dei bambini cui sono destinati, devono essere omologati (conformi ai requisiti della normativa europea) e sono obbligatori per legge sino ai 12 anni o ai 150 cm di altezza.

Dove va collocato

La prima indicazione è di appoggiare bene al sedile dell’auto lo schienale del seggiolino e di allacciare le cinture, anche per brevi tragitti. Fino a 9 chili di peso, i bambini devono essere trasportati in senso contrario alla marcia dell’auto. Non vanno mai posizionati sul sedile anteriore se la macchina è provvista di airbag, a meno che non possa essere disattivato. Il posto più adatto è il sedile posteriore, al centro, che protegge anche da eventuali urti laterali.

Lo sapevi che?

Il mancato uso di seggiolini e adattatori è un’infrazione che comporta sanzioni amministrative. Multe anche per chi usa dispositivi non omologati o alterati con sistemi “fai da te”.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti