Bambini meno depressi se vivono in mezzo alla natura

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 08/03/2019 Aggiornato il 08/03/2019

Al contrario, stare lontano dal verde aumenta stress e depressione nei più piccoli e favorisce lo sviluppo di problemi comportamentali. Ecco perché

Bambini meno depressi se vivono in mezzo alla natura

Lo stile di vita cittadino è spesso criticato perché non consente ai bambini un quotidiano contatto con la natura. Ciò porta a uno stile di vita scorretto per quanto riguarda il gioco attivo e le abitudini alimentari. Ma c’è di più: molti bambini piccoli non si sentono psicologicamente bene, sono spesso stressati e depressi.  Al contrario vivere a contatto con la natura rende i bambini meno depressi-

La connessione con la natura

Lo hanno dimostrato alcuni ricercatori dell’Università di Hong Kong  che hanno pubblicato uno studio su Plos One, partendo da un questionario per misurare la “connessione con la natura” dei bambini, coinvolgendo 493 famiglie con piccoli tra i 2 e i 5 anni.  È risultato che il 16% dei bambini in età prescolare a Hong Kong e il 22% in Cina mostra segni di problemi di salute mentale. Il questionario identificava quattro aree che riflettono la relazione tra bambino e verde: il godimento della natura, l’empatia per la natura, la responsabilità verso la natura e la consapevolezza della natura. Lo studio si divideva in due parti: le interviste iniziali con le famiglie e lo sviluppo successivo del questionario. Infine, il nuovo questionario è stato testato su una misurazione stabilita del benessere psicologico e dei problemi comportamentali dei bambini.

Bambini meno depressi

I risultati hanno rivelato che i bambini con un legame più stretto con la natura avevano meno angoscia, meno iperattività e minori difficoltà comportamentali ed emotive. Secondo l’analisi dei ricercatori di Hong Kong proprio il contatto maggiore con il verde aveva migliorato il comportamento pro-sociale, cioè la capacità di capire meglio i bisogni dell’altro. I bambini che assumevano maggiori responsabilità nei confronti della natura. Avevano dunque meno difficoltà nel rapporto tra pari.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo un altro studio dell’Istituto per la Salute Mondiale di Barcellona essere circondati dal verde, anche solo come vegetazione urbana, favorisce lo sviluppo cognitivo dei bambini. L’esposizione alla natura sembra quindi avere un impatto benefico sulla salute e sullo sviluppo cerebrale fin dall’infanzia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti