Bambini in ospedale: la fantasia sconfigge dolore e paura

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2016 Aggiornato il 12/01/2016

Immaginazione e ipnosi evitano l’utilizzo di farmaci e favoriscono un clima positivo e sereno anche in ospedale. L’esempio del Meyer di Firenze

Bambini in ospedale: la fantasia sconfigge dolore e paura

All’ospedale pediatrico Meyer di Firenze si utilizzano tecniche particolari, non farmacologiche, per aiutare i bambini ad affrontare traumi e dolore durante esami e terapie.

Immaginazione guidata

C’è chi la chiama immaginazione guidata e chi approccio ipnotico. Sono le tecniche usate all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze per aiutare i pazienti più piccoli ad affrontare esami diagnostici fastidiosi. Così i piccoli possono immaginare di avere un cappello magico che non fa sentire il dolore della puntura o di giocare con i pinguini al Polo nord durante una medicazione per ustioni, come accade nella più recente applicazione della realtà virtuale con tecnica affine all’ipnosi.

Terapia del dolore 

Si tratta di pratiche che al Meyer vengono utilizzate da oltre 10 anni, ha spiegato Andrea Messeri, responsabile della Terapia del dolore e cure palliative, con tecniche non farmacologiche di terapia del dolore che vanno dall’approccio puramente ipnotico fino alla semplice distrazione per ridurre trauma e dolore in procedimenti come la puntura lombare, il prelievo di sangue, manovre dolorose in tutte le specialità dell’ospedale. Le tecniche di immaginazione guidata, per esempio quella di “fare finta di essere un albero”, vengono usate anche per aiutare i bimbi a sottoporsi alla risonanza magnetica, esame per il quale occorre stare fermi molto tempo.

Corsi per i medici

Il Meyer è stato uno dei primi ospedali italiani che già nel 2000 ha aperto le porte alla professoressa Leora Kuttner, esperta canadese considerata un’autorità a livello internazionale nell’applicazione di queste pratiche in ambito pediatrico. È da allora che nell’ospedale fiorentino il servizio di terapia del dolore e la psicologia ospedaliera svolgono corsi rivolti non solo al personale interno, ma anche agli specialisti provenienti dagli altri ospedali italiani.

Un clima positivo

L’anestesista e psicoterapeuta Maria Luisa Malafronte, dello staff di neuroanestesia che da anni impiega le tecniche ipnotiche, spiega che utilizza questo approccio per ridurre, laddove è possibile, il ricorso alle sedazioni. Certo, queste pratiche non riescono sempre e comunque e in tutti i bambini, ma consentono comunque di instaurare un clima positivo e sereno. La dottoressa utilizza una tecnica immaginativa che dispensa con l’uso della voce, utilizzando il mondo del fantastico, delle favole e delle magie, ottenendo buoni risultati. 

 

 
 
 

da sapere!

Anche con i bambini con disabilità è possibile raggiungere buoni risultati, ma bisogna entrare nel loro mondo. Questa tecnica consente davvero di avere una qualità della relazione con il bambino molto alta e importante.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti