Bambini sedentari: la salute è a rischio!

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 23/01/2019 Aggiornato il 23/01/2019

I bambini sedentari, in aumento nel mondo, sono a rischio di sovrappeso e obesità. Va meglio nei Paesi dove l’attività fisica è una norma sociale. E l’Italia, purtroppo, non è tra questi

Bambini sedentari: la salute è a rischio!

I bambini sedentari cominciano a essere troppi: un rapporto globale redatto da ricercatori canadesi del Children’s Hospital of Eastern Ontario Research Institute  in 49 Paesi mostra che i bambini di oggi non si muovono abbastanza per stare in salute e avere una corretta crescita.

Ogni Paese è diverso

Gli esperti hanno utilizzato diversi parametri legati all’attività dei bambini e dato i voti a ciascuno di essi per ogni Paese: dalle azioni di governo per incentivare al movimento alle abitudini familiari (uso dell’auto). Il rapporto mostra che i Paesi con i bambini più attivi (meno sedentari) sono la Slovenia, lo Zimbabwe e il Giappone, dove il movimento fisico è una importante norma sociale. In Giappone, tutti vanno a scuola a piedi anche grazie a una normativa che assicura scuole vicine alle abitazioni (distanti non più di 4 km per i più piccoli e non più di 6 per i liceali).

In Italia dipende dall’età

Secondo gli ultimi dati Istat, in Italia la quota dei bambini sedentari è molto alta nella fascia di età 3-5 anni (48,8%), diminuisce nelle fasce di età successive, ma inizia a risalire e a mantenersi alta a partire dalla fascia di età 18-19 anni (20,8%).

Obesità in aumento nel mondo

Strettamente legata alla sedentarietà è l’epidemia di obesità tra bambini e adolescenti. Nel 2017, 38,3 milioni di bambini sotto i 5 anni risultavano in sovrappeso, 8 milioni in più rispetto ai 30,1 milioni del 2000. Nel 2017, il 5,6% della popolazione infantile mondiale sotto i 5 anni risultava sovrappeso. In Europa 1 bambino su 3 è in sovrappeso.

La salute è compromessa

Gli autori dello studio hanno concluso che l’eccessivo uso di smartphone e computer, l’automazione sempre più spinta e gli spostamenti rigorosamente in macchina stanno spingendo i bambini a diventare sempre più sedentari. I bambini fisicamente non attivi sono a rischio di problemi di salute fisica, mentale, sociale e cognitiva.

 

DA SAPERE

SPETTA AI GENITORI

I genitori hanno un grande compito: cercare di far muovere di più i loro figli. Dagli sport organizzati fino al gioco all’aria aperta, il movimento va incentivato il più possibile, anche in inverno con il freddo. Inoltre, anche a casa, si dovrebbe porre un limite all’uso di smartphone e videogiochi, incentivando altri passatempi. Poi, per tutti, cercare di usare sempre meno la macchina e preferire lo spostamento a piedi ogni volta che è possibile.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti