Barattolo della calma: come prepararlo in casa?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 14/09/2022 Aggiornato il 19/06/2024

Il barattolo della calma è un oggetto semplice che aiuta il bambino a sentirsi meglio. Per farlo servono un po' di colla glitterata, olio per creare la sospensione, brillantini e un barattolo di vetro. Ecco come creare in casa il barattolo della calma secondo il metodo Montessori

barattolo della calma montessori

Il barattolo della calma, che si ispira al metodo Montessori, è una valida e divertente attività da proporre al bambino quando è nervoso o agitato. Pur non essendo un materiale montessoriano, ne ricorda alcuni principi come ad esempio la capacità del bambino di ritrovare autocontrollo ma anche favorire lo sviluppo di concentrazione e attenzione che questa attività stimola nei più piccoli. Il barattolo della calma può essere creato in casa con alcuni materiali facili da recuperare oppure può essere acquistato, già pronto, online. Vediamo insieme a cosa serve il barattolo della calma, quali sono i pro di questo gioco montessoriano e come prepararlo in casa con i materiali giusti.

Barattolo della calma, a che cosa serve?

Secondo la teoria pedagogica di Maria Montessori, i bambini sono per natura disciplinati, seri, amanti dell’ordine. Vanno lasciati liberi di esprimere la propria creatività e i propri sentimenti. Inoltre, è importante renderli autonomi prima possibile, lasciando che imparino a nutrirsi e vestirsi da soli, a gestire anche i sentimenti negativi come la rabbia o la tristezza.
Il barattolo della calma o calming jar parte da questo approccio con i più piccoli. È adatto ai bambini fra i 3 e i 5 anni e aiuta i piccoli a ritrovare la calma dopo una situazione emotivamente difficile, come un litigio o una crisi di pianto. È proprio in questa fase di crescita, infatti, che un bambino può avere qualche difficoltà con le proprie emozioni. Si tratta di un barattolo trasparente, all’interno del quale si trovano alcuni brillantini sospesi in una sostanza trasparente.

Che benefici ha per il bambino?

Quando il barattolo viene agitato, i brillantini si spostano per poi scendere lentamente verso il fondo del barattolo, un po’ come succede con le bocce di vetro con la neve artificiale. Osservare i glitter che si depositano piano piano ha l’effetto di attirare l’attenzione del bambino, spostandola dal sentimento che lo agita. Sopravviene uno stato di calma che aiuta i bambini a rilassarsi e li rende disponibili ad ascoltare le parole del genitore o dell’educatore. Si può anche insegnare al bambino a trarre qualche profondo respiro per sentirsi ancora più tranquillo.

Come aiutare il bambino a superare i momenti di crisi ricorrendo al barattolo della calma?

Il barattolo della calma è uno strumento che permettere al bambino di distrarsi dal senso di agitazione o rabbia, concentrandosi appunto su altro, ma non è sicuramente un oggetto miracoloso. Bisogna quindi cercare una connessione emotiva con il bambino e capire i motivi del suo malessere, altrimenti l’utilizzo del barattolo della calma donerebbe un sollievo temporaneo e il bambino subito dopo entrerebbe in crisi nuovamente per altre ragioni che i genitori non capirebbero.

L’utilizzo del barattolo della calma dovrebbe, come accennato in precedenza, essere associato ad esempio ad esercizi di respirazione guidata: accompagniamo il bambino in questa fase e proviamo, insieme a lui, a respirare in modo più rallentato, seguendo l’andamento dei brillantini che fluttuano piano piano nel barattolo e invitandolo a rallentare la respirazione così come rallentano i singoli glitter cadendo.

Questo strumento di ispirazione montessoriana può essere quindi il modo di stabilire una connessione emotiva con il bambino, favorirne il rilassamento, e provando a interpretare le cause del suo stress.

È possibile preparare in casa il barattolo della calma?

Non è difficile preparare a casa il barattolo della calma. È anche possibile farsi aiutare dal bambino a creare questo piccolo oggetto magico. Occorrono:

barattolo

colla glitter

brillantini in polvere

olio corpo bambini

colorante

 

Si versa l’olio nel barattolo, avendo cura di non riempirlo troppo (deve restare un po’ di spazio in modo che l’olio possa spostarsi nel barattolo). Si aggiunge la colla glitterata, i brillantini e il colorante. È bene ricordare che i colori che hanno un effetto maggiormente rilassante sono il blu, l’azzurro, il verde. Si mescola bene, si chiude accuratamente il tappo eventualmente utilizzando un po’ di colla per sigillarlo bene. Quando il bambino è arrabbiato, irritato, nervoso, basta proporgli il barattolo della calma per aiutarlo a ritrovare una situazione di benessere.

Il barattolo della calma Montessori è un valido e divertente sistema da proporre al bambino quando è nervoso o agitato. Si ispira alla pedagogia montessoriana, secondo la quale i bambini vanno stimolati a trovare in se stessi la risposta a problemi o difficoltà. È anche possibile riprodurre in casa questo oggetto, utilizzando materiale facile da trovare, anche con l’aiuto del piccolo.

Per tutte le mamme, o i genitori, che sono impegnati e magari poco avvezzi al fai da te, ecco una valida alternativa, ovvero il barattolo della calma già pronto da acquistare comodamente online.

barattolo della calma

 

Come realizzare il barattolo della calma – Il video

Realizzare il barattolo della calma in casa, con gli elementi sopra elencati, è facilissimo. Vediamo insieme in questo video come procedere, passo dopo passo, per realizzare un oggetto davvero sorprendente e utile per i bambini piccoli e non solo.

 
 
 

In sintesi

Il barattolo della calma è un utile strumento per calmare i bambini quando sono agitati e hanno bisogno di rilassarsi. Si ispira al metodo Montessori ed è un gioco che può essere utilizzato per bambini dai 3 ai 5 anni.

 

 

*** In questo articolo sono presenti link di affiliazione: se acquisti o ordini un prodotto tramite questi link, riceveremo una commissione. Offerte e prezzi dei prodotti potrebbero subire variazione in base alla disponibilità, anche dopo la pubblicazione degli articoli***

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti