Bisfenolo A e obesità nei bambini: trovata un’altra conferma

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/10/2013 Aggiornato il 09/10/2013

Continuano gli studi sui rischi per la salute connessi a un’elevata esposizione al bisfenolo A e obesità nei bambini

Bisfenolo A e obesità nei bambini: trovata un’altra conferma

Un nuovo studio torna a puntare il dito contro il bisfenolo A, sostanza chimica molto comune nei recipienti e nei contenitori di uso domestico. Ricercatori del Michigan hanno analizzato le urine di oltre 3.300 ragazzi, verificando il tasso di Bpa. Il tasso di obesità dei bambini è risultato doppio in chi aveva alti livelli di bisfenolo A. I risultati suggeriscono, dunque, che l’esposizione al bisfenolo A sia associata a un rischio maggiore di sviluppare obesità nei bambini.

Un problema sempre più diffuso

Secondo la fotografia scattata nel 2012 dal Sistema di sorveglianza “OKkio alla Salute”, promosso dal Ministero della salute e dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, il 22,1% dei bambini italiani è in sovrappeso e il 10,2% in condizioni di obesità, con percentuali più alte nelle regioni del Centro e del Sud Italia. Ma il bisfenolo A non è l’unico composto in discussione. Un altro studio mette sotto accusa gli ftalati, un additivo chimico aggiunto alle materie plastiche per migliorarne la flessibilità e la modellabilità. Si tratta di sostanze tossiche, soggette a restrizione europea: il loro utilizzo non è consentito a concentrazioni superiori allo 0,1%, né nei giocattoli, né negli articoli destinati all’infanzia.

Sotto accusa anche gli ftalati

L’indagine, condotta all’università di New York,  ha analizzato 766 ragazzi tra 12 e 19 anni, evidenziando che tra quelli con alti livelli di un particolare ftalato, la resistenza all’insulina era presente nel 22% dei casi, mentre in quelli con livelli bassi il tasso era del 15%. L’ipotesi degli scienziati è che questa sostanza possa essere correlata al rischio di sviluppare il diabete nei bambini.  Entrambi i lavori sono riportati sulla rivista scientifica “Pediatrics”. 

In breve

MIGLIAIA DI BAMBINI SOFFRONO DI DIABETE

Sono 15 mila i bambini da zero a 14 anni che hanno il diabete, 20 mila se si considerano anche i ragazzi fino a 18 anni. Questi dati indicano che il diabete è la patologia cronica più diffusa nel nostro Paese in questa fascia d’età.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fimosi del prepuzio in bimbo di sei anni: che fare?

15/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Se la pelle che ricopre il glande è serrata, è opportuno che il bambino impari, dopo il bagno o la doccia, a tirarla dolcemente all'indietro, fermandosi quando avverte dolore. La manovra, se effettuata regolarmente con mano leggera, può servire.   »

Streptococco B: quale cura?

01/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Lo streptococco B individuato in vagina non va curato in modo specifico. Solo al momento del parto rende opportuna la profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti