Bonus bebè 2019: resta e aumenta (dal secondo figlio)

Elisa Carcano A cura di Elisa Carcano Pubblicato il 23/11/2018 Aggiornato il 23/11/2018

Previsti 960 euro a neonato e solo nel primo anno di vita. Ma con il secondo figlio aumenta del 20%. Ecco come cambia il bonus bebè

Bonus bebè 2019: resta e aumenta (dal secondo figlio)

L’assegno mensile sarà tagliato rispetto al passato e verrà riconosciuto per ogni nuovo nato nel 2019 (o adottato) solo nel primo anno di età (come peraltro anche nel 2018) e non più per 36 mesi. Complessivamente  il governo ha stanziato incentivi alla natalità per 444 milioni di euro (44 in più di quelli previsti per il 2018 dal precedente governo) e una nuova formulazione del bonus bebè 2019: per ogni figlio successivo al primo è previsto un incremento del 20% su quanto erogato.

Le novità del pacchetto famiglia

“Le nuove misure prevedono due fasce di reddito (fino a 7mila e da 7 a 25mila euro) per gli assegni alle famiglie” si legge in una nota. Sono previsti inoltre “40 milioni di euro per il congedo di 4 giorni per i padri, l’istituzione del ‘Fondo di sostegno per le crisi familiari’ (10 milioni di euro all’anno), il raddoppio – da 400 a 800 euro – delle detrazioni fiscali per i figli con disabilità”.

Maternità flessibile

Le mamme avranno la possibilità di scegliere se accedere a un periodo di tre mesi di maternità retribuita al 60% oppure di sei mesi retribuita al 30%. Inoltre si allunga ulteriormente il periodo in cui sarà possibile usufruire dei congedi parentali: dagli attuali 12 ai 16 anni dei figli.

Voucher baby sitting

Per venire incontro alla mamme che dopo la nascita di un figlio riprendono a lavorare è stato anche previsto un finanziamento di 50 milioni di euro per il cosiddetto voucher baby sitter: potranno usufruirne sia le lavoratrici dipendenti sia le autonome.

 

Lo sapevi che?

In tema di bambini potrebbero essere in arrivo novità anche per quanto riguarda la scuola. Il movimento 5 Stelle ha infatti avanzato la proposta di estendere a tutte le scuole elementari il tempo pieno.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti