Bonus sistemi anti abbandono 2020: come richiederlo

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 20/02/2020 Aggiornato il 20/02/2020

Parte da oggi, giovedì 20 febbraio e dura fino ad esaurimento fondi, la possibilità di aver diritto a un incentivo di 30 euro per l’acquisto di un sistema anti-abbandono da applicare sul seggiolino auto o di un seggiolino auto con integrato il sistema per i bambini da 0 a 4 anni. Ecco come fare

Bonus sistemi anti abbandono 2020: come richiederlo

Sono molto diversi tra loro e possono essere una sorta di “cuscinetto” da sistemare sotto un normale seggiolino auto, altre volte dei sensori da attaccare alle cinture o seggiolini auto che ne sono già dotati al loro interno. E poi alcuni fanno arrivare una notifica sul cellulare, via bluetooth, altri invece fanno scattare un allarme in macchina, altri ancora utilizzano specifiche app… Diversi ma tutti con una unica finalità: aiutare i genitori (o nonni o baby sitter) a non dimenticare il bimbo in macchina.

Un decreto dalla storia travagliata

Il decreto attuativo della legge del 1° ottobre 2018, n. 117, che imponeva l’obbligo di installazione di dispositivi per prevenire l’abbandono di bimbi fino ai 4 anni doveva entrare in vigore il 1° luglio 2019 ma invece è entrato in vigore il 7 novembre 2019. Visto il poco tempo a disposizione per famiglie e aziende, si è subito stabilito una deroga fino al 6 marzo.

Incentivi dal 20 febbraio

In base al decreto fiscale collegato alla Finanziaria convertito in legge dal 25 dicembre 2019 sono previsti degli incentivi per le famiglie. È stato deciso che questo bonus sistemi anti abbandono sarà di 30 euro per ogni bambino (indipendentemente dal numero di dispositivi acquistati) fino a esaurimento delle risorse (più di 15 milioni nel 2019 e 5 milioni nel 2020). È già stato calcolato che questo fondo potrà interessare soltanto il 9% dei bambini in età 0-4 anni.

Come fare

Dal 20 febbraio sarà necessario registrarsi sulla piattaforma informatica Sogei (www.sogei.it o www.mit.gov.it) tramite sistema Spid e il contributo consisterà in un buono elettronico del valore di 30 euro valido per l’acquisto del sistema anti abbandono. Anche chi lo ha già acquistato può aver diritto a un rimborso, sempre registrandosi sulla piattaforma Sogei, allegando copia del giustificativo di spesa (scontrino o fattura) e dovrebbe ricevere un accredito direttamente in banca.

Vince il più veloce

Questo contributo all’acquisto o al rimborso del costo del sistema anti abbandono non è in base al reddito o al numero di figli ma solo in base a chi riesce a registrarsi in tempo perché vale solo “fino a esaurimento risorse”. E i buoni sono emessi in ordine temporale per chi arriva prima. Poi il bonus va speso entro un mese pena l’annullamento del contributo.

Quali prodotti vanno bene?

Non è semplice capirlo con certezza e non ci sono norme precise per i genitori che vogliono acquistare un prodotto anti-abbandono. L’importante al momento è che il produttore si assuma la responsabilità della conformità del dispositivo alle prescrizioni tecniche costruttive e funzionali essenziali definite dalla legge. Ma in realtà c’è una caratteristica che preoccupa tutti: secondo il decreto 122 del 2019 i sistemi anti abbandono “non devono alterare le caratteristiche omologative” dei seggiolini. Questo significa però che anche sistemare un cuscino sotto al seggiolino può alterare le modifiche tecniche del prodotto? A questa domanda per ora non c’è risposta!

Le caratteristiche essenziali

I dispositivi anti abbandono devono comunicare immediatamente al conducente della macchina che il bambino è ancora in vettura tramite segnali visivi e acustici o visivi e aptici (come le vibrazioni) che dovrebbero essere sentiti dentro e fuori la macchina. I sistemi si dovrebbero attivare automaticamente a ogni utilizzo, senza bisogno di altre azioni da parte del conducente, e dovrebbero mandare un feedback di conferma dell’attivazione al guidatore della macchina. Se alimentati a batteria, dovrebbero segnalare il basso livello di carica in modo evidente e poi potrebbero inviare messaggi o chiamate di allarme.

 

 

Da sapere

CHI PUÒ RICHIEDERLO

Il bonus sistemi anti abbandono di 30 euro può essere richiesto esclusivamente dai genitori o da chi esercita la patria potestà di un bambino che non ha ancora compiuto i 4 anni. Si ha diritto a un rimborso per un solo dispositivo per bambino anche se se ne acquistano di più perché magari si hanno più macchine. Il buono deve essere speso entro 30 giorni in un centro registrato sullla piattaforma Sogei.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti