Cambio del pannolino, ecco cosa fare per non sbagliare

Contenuto sponsorizzato

Quello del cambio del pannolino è un momento delicato. Un aiuto arriva dai prodotti di Linea MammaBaby®

cambio pannolino: mosse e prodotti

Quando devo cambiare il pannolino? E posso farlo sul letto? Come tutto quello che riguarda il bebè anche il cambio del pannolino è una pratica che con il tempo e l’esperienza diventa immediata. Ma all’inizio può servire qualche consiglio in più per sapere come muoversi, in sicurezza per il piccolo, con facilità per mamme e papà.

Quali sono le buone abitudini da adottare?

Fin dai primi giorni di vita è importante prendersi cura della pelle delicatissima del bebè, in particolare durante il cambio pannolino, un gesto chiave per prevenire dermatiti e arrossamenti. Togliere il pannolino, detergere le zone intime e idratarle è infatti una pratica familiare a genitori, nonni, baby-sitter, educatrici del nido. Ma è molto importante procedere con attenzione facendo i gesti corretti soprattutto in presenza di arrossamenti e irritazioni. Il cambio pannolino, infatti, data la frequenza con cui avviene durante il giorno e la delicatezza delle zone trattate, è un gesto da non sottovalutare.

Il cambio va fatto spesso?

Il cambio è una delle attività più frequenti, insieme alle poppate, nei primi mesi di vita del bambino. I neonati tendono a sporcare il pannolino molto spesso: è importante non lasciare mai troppo a lungo a contatto con la pelle il pannolino sporco per evitare arrossamenti e irritazioni che, se non tempestivamente risolti, possono trasformarsi in una dermatite più grave e fastidiosa. Dal momento che il bebè può anche non piangere quando è bagnato è bene controllare molto di frequente la condizione del pannolino.

Intimo Baby di linea MammaBaby

Quali sono i prodotti più adatti al cambio?

Per l’igiene del neonato è importante usare solo prodotti messi a punto per la sua pelle delicata. Il film idrolipidico nel neonato infatti è incompleto, permeabile e presenta un pH non ancora adatto a proteggerlo da agenti esterni. È fondamentale quindi detergere la pelle dei più piccoli con tutta la delicatezza possibile. Per detergere le zone intime del neonato, ancora più fragili, occorre scegliere un detergente intimo specifico come Intimo Baby con pH neutro. Non sempre però è possibile avere un lavandino a disposizione, spesso il fasciatoio è lontano dell’acqua oppure si è fuori casa: in questi casi si possono utilizzare le salviettine umidificate come le Salviettine Baby o meglio ancora un latte detergente di pulizia come il Latte Detergente Baby Cosmos Natural, perfetto per la detersione di viso e corpo e per il cambio pannolino senza bisogno di risciacquo. Per i più piccoli è consigliato applicare il Latte Detergente Baby su un batuffolo di cotone e passarlo nella zona interessata, ripetendo l’azione più volte fino alla completa detersione.

Latte Detergente della linea MammaBaby

Serve una crema per il cambio?

È un supporto basilare per rinforzare la barriera cutanea, evitare che la pelle si disidrati e favorire la rigenerazione dei tessuti. Attenzione a scegliere una crema per il cambio che contenga principi attivi dalle proprietà antinfiammatorie, lenitive, idratanti e cicatrizzanti come la Crema Cambio Baby Cosmos Natural.

Crema cambio pannolino della linea MammaBaby

Cosa fare nel caso di irritazioni?

La pelle del bambino, rispetto a quella dell’adulto, è più sottile, fragile, maggiormente soggetta a irritazioni, rossori e desquamazione. Nella zona delicata del cambio pannolino lo è ancora di più. In caso di dermatiti da pannolino è importante affidarsi ad una crema dedicata come la Crema SOS Baby  per contrastare l’azione degli agenti esterni irritanti, contribuendo a lenire e al contempo a rigenerare e nutrire anche gli strati più profondi del derma.

Crema Sos baby della linbea MammaBaby

Quale è la giusta quantità di crema da applicare?

Grazie all’utilizzo di una crema a rapido assorbimento come la Crema Cambio Baby Cosmos Natural è sufficiente spalmarne una piccola quantità sulle zone più delicate come l’interno delle cosce, le pieghe tra cosce e inguine, il pube, attorno ai genitali e su qualsiasi zona risulti particolarmente arrossata. Il movimento deve essere delicato, come una carezza. Se ci sono arrossamenti e dermatite da pannolino va preferita la Crema Sos Baby: dopo aver deterso accuratamente la cute, occorre stendere uno strato sottile di crema nelle pieghe cutanee e sulle zone arrossate ripetendo l’applicazione più volte al giorno. In ogni caso per forti arrossamenti che causano febbre è consigliabile rivolgersi ad un medico competente.

 

 
 
 

In sintesi

Come proteggere la pelle al cambio del pannolino?

La prevenzione è la migliore arma di difesa per la cute delicata del piccolo. Per il cambio del pannolino gli alleati indispensabili per la salute cutanea sono due: un detergente specifico per l’igiene intima del neonato e una crema idratante, emolliente, nutriente dall’effetto rigenerante.

Quali sono i prodotti più adatti al bebè?

Sono quelli formulati per la pelle delicatissima dei neonati. Linea MammaBaby® ha realizzato dei prodotti specifici per rispondere alle esigenze cutanee delle parti intime di neonati e bambini e bambine con principi attivi di origine naturali e testati dermatologicamente su pelli sensibili.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Contenuto sponsorizzato

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti