Carattere e personalità dei bambini sono “contagiosi”?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 29/03/2017 Aggiornato il 29/03/2017

Non è solo una questione di genetica. Alcuni tratti del carattere e della personalità dei bambini sarebbero influenzati dagli amichetti. Ecco in che modo

Carattere e personalità dei bambini sono “contagiosi”?

I bambini, si sa, amano imitarsi a vicenda. Nemmeno quelli più indipendenti e decisi sono immuni dall’influenza esercitata dagli amichetti. A differenza di quanto pensino in molti, la tendenza all’emulazione non riguarda solo i giochi o i cartoni preferiti. Anche alcuni tratti di carattere e personalità dei bambini sarebbero in qualche modo “contagiosi”. A rivelarlo è una ricerca condotta recentemente da un team di studiosi statunitensi, della Michigan State University, pubblicata sulla rivista Journal of Personality and Social Psychology.

Evidenze già a tre-quattro anni

Lo studio ha coinvolto complessivamente 106 bambini, di tre o quattro anni, che frequentavano la stessa scuola dell’infanzia (in due classi diverse). Gli autori li hanno osservati per un anno intero, sottoponendoli ad alcuni test ed eseguendo specifiche analisi per valutare il contesto in cui stavano crescendo. Lo scopo era capire fino a che punto il carattere e la personalità dei bambini potessero essere influenzati dall’esterno.

Si scelgono i tratti caratteriali migliori

L’analisi dei risultati ha confermato l’ipotesi dei ricercatori: il carattere e la personalità dei bambini sono in qualche modo “contagiosi”. Si è visto, infatti, che i bambini che avevano un legame più forte con coetanei estroversi e solari lo diventavano a loro volta. Al contrario, i bambini che giocavano soprattutto con amichetti molto ansiosi, timorosi o facilmente irritabili non cercavano di imitarli. Sembra, dunque, che inconsciamente i bambini sappiano “selezionare” le caratteristiche caratteriali migliori e, se non ne sono in possesso, cerchino di impararle da chi sta loro accanto. “La nostra scoperta va contro i presupposti comuni secondo cui la personalità è radicata e non può essere cambiata; questo è importante perché alcuni tratti della personalità possono aiutare i bambini ad avere successo nella vita, mentre altri possono essere un freno” hanno concluso gli studiosi.

 

 

In breve

UN CONSIGLIO PER I GENITORI

È importante che i genitori insegnino ai propri figli a essere educati, perseveranti, gentili, solari. Ma, stando a questo studio, è fondamentale anche che li stimolino a frequentare amici con queste caratteristiche perché l’influenza esercitata dai pari ha un’importanza … senza pari.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti