Carenza di Vitamina D: un legame con la schizofrenia?

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 22/02/2019 Aggiornato il 22/02/2019

È ipotizzato un legame tra una carenza di vitamina D alla nascita e lo sviluppo di schizofrenia, una seria malattia mentale. Ecco perché

Carenza di Vitamina D: un legame con la schizofrenia?

La carenza di vitamina D alla nascita è legata a un maggior rischio di ammalarsi di schizofrenia: l’8% dei casi è riferito, infatti, a questa problematica in età neonatale. Lo sostengono gli autori di uno studio delle università di Queensland e di Aarhus, secondo cui la carenza di vitamina D si associa a un aumento del 44% del rischio di schizofrenia.

Una malattia mentale

La schizofrenia indica un gruppo di malattie mentali caratterizzate da sintomi quali allucinazioni, visioni e deficit cognitivi. Lo studio ha coinvolto 2.602 individui: sono stati messi a confronto malati schizofrenici con coetanei sani: la carenza di vitamina D alla nascita è risultata più frequente nel primo gruppo.

Fondamentale per lo sviluppo del feto

Siccome lo sviluppo del feto dipende totalmente dai livelli materni di vitamina D, i risultati suggeriscono che assicurando alle gestanti un adeguato apporto di questa vitamina si potrebbero prevenire molti casi di schizofrenia, in modo comparabile all’integrazione con acido folico in gravidanza nella prevenzione della spina bifida.

Integratori nei primi 12 mesi

Gli esperti raccomandano la profilassi con vitamina D per tutti i neonati per tutto il primo anno di vita, indipendentemente dall’allattamento. Infatti né il latte materno, né quello in formula (anche se addizionato) riescono a soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina D. Per raggiungerlo si dovrebbe consumare un litro di latte in formula al giorno, quantità alla quale il bambino arriva solo quando è prossimo allo svezzamento.

Carenze in un bambino su 2

Oggi l’ipovitaminosi D, condizione che va dall’insufficienza al deficit di vitamina D, riguarda oltre un bambino su due, con punte massime in epoca neonatale e nell’adolescenza, dove si arriva a percentuali del 70%. Il primo fattore di rischio è la scarsa esposizione solar(e, principale fonte di approvvigionamento della vitamina D. Il nostro organismo, infatti, la produce attraverso la sintesi cutanea indotta dall’esposizione ai raggi solari.

 

Da sapere!

Nel neonato la carenza di vitamina D provoca anche il rachitismo carenziale e ha un impatto negativo sui processi di acquisizione della massa ossea.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti