Carenza di Vitamina D: un legame con la schizofrenia?

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 22/02/2019 Aggiornato il 22/02/2019

È ipotizzato un legame tra una carenza di vitamina D alla nascita e lo sviluppo di schizofrenia, una seria malattia mentale. Ecco perché

Carenza di Vitamina D: un legame con la schizofrenia?

La carenza di vitamina D alla nascita è legata a un maggior rischio di ammalarsi di schizofrenia: l’8% dei casi è riferito, infatti, a questa problematica in età neonatale. Lo sostengono gli autori di uno studio delle università di Queensland e di Aarhus, secondo cui la carenza di vitamina D si associa a un aumento del 44% del rischio di schizofrenia.

Una malattia mentale

La schizofrenia indica un gruppo di malattie mentali caratterizzate da sintomi quali allucinazioni, visioni e deficit cognitivi. Lo studio ha coinvolto 2.602 individui: sono stati messi a confronto malati schizofrenici con coetanei sani: la carenza di vitamina D alla nascita è risultata più frequente nel primo gruppo.  

Fondamentale per lo sviluppo del feto

Siccome lo sviluppo del feto dipende totalmente dai livelli materni di vitamina D, i risultati suggeriscono che assicurando alle gestanti un adeguato apporto di questa vitamina si potrebbero prevenire molti casi di schizofrenia, in modo comparabile all’integrazione con acido folico in gravidanza nella prevenzione della spina bifida.

Integratori nei primi 12 mesi

Gli esperti raccomandano la profilassi con vitamina D per tutti i neonati per tutto il primo anno di vita, indipendentemente dall’allattamento. Infatti né il latte materno, né quello in formula (anche se addizionato) riescono a soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina D. Per raggiungerlo si dovrebbe consumare un litro di latte in formula al giorno, quantità alla quale il bambino arriva solo quando è prossimo allo svezzamento.

Carenze in un bambino su 2

Oggi l’ipovitaminosi D, condizione che va dall’insufficienza al deficit di vitamina D, riguarda oltre un bambino su due, con punte massime in epoca neonatale e nell’adolescenza, dove si arriva a percentuali del 70%. Il primo fattore di rischio è la scarsa esposizione solar(e, principale fonte di approvvigionamento della vitamina D. Il nostro organismo, infatti, la produce attraverso la sintesi cutanea indotta dall’esposizione ai raggi solari.

 

 
 
 

Da sapere!

Nel neonato la carenza di vitamina D provoca anche il rachitismo carenziale e ha un impatto negativo sui processi di acquisizione della massa ossea.   

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti