Carie, in arrivo otturazioni super potenti

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 04/09/2019 Aggiornato il 04/09/2019

Un gruppo di ricercatori israeliani ha creato una nuova otturazione antibatterica, in grado di ridurre il rischio di carie secondarie

Carie, in arrivo otturazioni super potenti

La bocca è una delle parti più vulnerabili, per tutti e a tutte le età. I disturbi ai denti, infatti, non risparmiano nessuno e sono molto comuni. Il più diffuso in assoluto? Sicuramente la carie, che può interessare perfino i dentini da latte e che non di rado recidiva. Ma in futuro questo problema potrebbe diventare un po’ meno ostico. È stato messo a punto, infatti, un nuovo composito per otturazioni arricchito con nanoparticelle antibatteriche, che potrebbe evitare la crescita di patogeni e quindi la formazione di nuove carie su elementi giù curati. A svelarlo è uno studio condotto da un gruppo di ricercatori israeliani, dell’Università di Tel Aviv, e pubblicato sulla rivista ACS Applied Materials & Interfaces.

Tutta colpa di un batterio

La carie nasce per colpa dell’azione nociva dello Streptococco mutans. Si tratta di un batterio che è sempre presente nel cavo orale, ma che quando lo smalto dei denti si indebolisce, quasi sempre a causa dell’ambiente acido formato da residui di zuccheri semplici (contenuti in dolciumi, caramelle, bevande gassate) non eliminati correttamente dalle superfici dentarie con lo spazzolamento, prende il sopravvento. La carie può essere curata, ma non sempre con successo. Infatti, il dente trattato può cariarsi nuovamente: in pratica, i batteri patogeni possono crescere fra l’otturazione e la superficie del dente curato e far procedere la carie verso la radice. In questo caso, oggi spesso è necessario estrarre o devitalizzare il dente. A breve, però, la carie secondaria potrebbe essere quasi “sconfitta”.

Il nuovo composito

Un gruppo di studiosi di Tel Aviv ha creato una speciale resina arricchita con nanoparticelle dotate di proprietà antibatteriche, in grado di evitare la formazione di nuove carie nel sito dell’otturazione. “I compositi con attività inibitoria della crescita dei germi hanno il potenziale di ostacolare lo sviluppo di questo diffusissimo problema orale, le carie secondarie” hanno spiegato gli autori. Il materiale potenziato, fra l’altro, è esteticamente gradevole e rigido. Inoltre, è low cost e può essere facilmente prodotto su vasta scala. Ora però serviranno nuovi studi per verificare la non-tossicità del materiale e la sua reale fattibilità di utilizzo.

 

 

 
 
 

Da sapere!

La strategia migliore per evitare una carie, primaria o secondaria che sia, consiste nel lavarsi correttamente e regolarmente i denti e nel sottoporsi a controlli regolari dal dentista.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti