Cefalea: colpisce quasi metà dei bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/01/2014 Aggiornato il 24/01/2014

Sempre più bambini soffrono di cefalea, il comune mal di testa, e in particolare di emicrania. Riconoscere il disturbo, però, è spesso difficile nei più piccoli 

Cefalea: colpisce quasi metà dei bambini

Anche i nostri piccoli possono soffrire di cefalea, il fastidioso mal di testa. Secondo gli ultimi dati, infatti, la cefalea colpisce il 40% dei bambini e si colloca così al settimo posto fra le malattie che maggiormente compromettono il benessere fisico e psicologico a livello globale.

Bambini sotto attacco

Più precisamente, il 4-11% dei bambini tra i 7 e gli 11 anni soffre di cefalea, in particoare di emicrania, percentuale che arriva al 23% tra gli 11 e i 15 anni; ma se si considerano anche le cefalee di tipo tensivo (le più comuni tra i bambini) si arriva al 40%.

Non sottovalutare il problema

Capire e riconoscere una delle forme del mal di testa diventa difficile soprattutto quando a soffrirne sono i bambini sotto i sei anni di età, sia per i sintomi talvolta sfumati, sia per la giovane età che rende difficile l’esatta spiegazione del dolore provato. È importante prestare attenzione ai sintomi riferiti dal bambino, cercando di non sottovalutare il problema e anzi parlandone con il pediatra che, se lo ritiene opportuno, può indirizzare il bambino allo specialista per una diagnosi più approfondita.

Tante cause

Il mal di testa può avere tante cause: errata postura, non corretta masticazione, ansia, stress, un disagio interiore, eventuali difficoltà scolastiche o familiari (come la nascita di un fratellino, il cambiamento di città o la separazione dei genitori). 

In breve

I NUMERI DEL MAL DI TESTA

Il 90% delle persone ha un attacco violento di mal di testa almeno una volta nella vita; il 60% della popolazione soffre di cefalea di tipo tensivo; il 18% delle donne e l’8% degli uomini soffre di emicrania e una persona su mille è vittima di cefalea a grappolo. Un paziente emicranico costa in media 1.222 euro all’anno fra costi indiretti, legati alla minore produttività lavorativa e alla ridotta vita sociale e familiare, e spese sanitarie. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti