Clownterapia: tanti vantaggi per i bimbi ricoverati

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/12/2013 Aggiornato il 17/12/2013

Un recente studio dimostra che la clownterapia nelle corsie degli ospedali riduce il dolore e le giornate di ricovero

Clownterapia: tanti vantaggi per i bimbi ricoverati

Non serve solo a distrarre e a rallegrare i bimbi ricoverati. La clownterapia apporta tanti vantaggi anche sul piano fisico. L’ennesima conferma arriva da uno studio condotto da due ricercatrici italiane del reparto di chirurgia pediatrica dell’ospedale San Camillo di Roma.  Lo studio ha riguardato 92 bambini ricoverati nel reparto di chirurgia pediatrica dell’ospedale San Camillo di Roma in seguito a un’operazione. Le autrici hanno valutato gli effetti dell’attività di clownterapia sull’umore e lo stato fisico dei piccoli pazienti.

“Inventata” da Patch Adams

La clownterapia classica è quella ideata dal medico statunitense Patch Adams: si tratta di un tipo di terapia medica alternativa, in cui medici e infermieri sfruttano le tecniche del mondo dei pagliacci nella cura e nella diagnosi. Accanto a questa, però, esiste un’altra versione, che ha per protagonisti i Dottor Sogni. Sono veri e propri artisti, quindi non medici né infermieri, adeguatamente formati per migliorare la relazione del bambino con l’ospedale e la cura. Di valido aiuto per i piccoli pazienti (ma anche per i grandi) è anche la pet therapy.

I benefici del sorriso

Dall’analisi dei risultati è emerso che l’utilizzo della tecnica del sorriso è altamente vantaggioso. Il 42,4% dei bambini seguiti dai clown dottori/infermieri ha avuto minori complicanze post operatorie, rispetto al 26,1% di quelli che non hanno potuto beneficiare di questo supporto. Non solo: la clownterapia ha anche ridotto di un intero giorno il periodo di degenza in ospedale. Tutto ciò si è tradotto in un minor utilizzo di analgesici. Ma gli aspetti favorevoli non finiscono qui. Le studiose hanno evidenziato molti altri parametri positivi, non solo nei bambini ma anche nei genitori. In effetti, uno studio precedente, condotto sempre al San Camillo di Roma, aveva rivelato che la visita dei clown dottori migliora, e di molto, i parametri fisiologici dei piccoli pazienti, come temperatura, pressione, respirazione. Il risultato? Una degenza minore e una compliance maggiore. 

In breve

RIDERE FA BENE

Ridere aiuta i piccoli ricoverati ad affrontare il dolore e lo stress, accelerando i tempi di guarigione e migliorando la qualità della degenza del bambino. Ecco perché la clownterapia può essere di grande aiuto.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti