Cocaina: i traumi infantili possono portare alla dipendenza

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 25/09/2018 Aggiornato il 25/09/2018

L'esposizione ad abusi soprattutto emotivi in età precoce altera il sistema immunitario, aumentando, a distanza di anni, il rischio di dipendenza da cocaina. Ecco perché

Cocaina: i traumi infantili possono portare alla dipendenza

Un bambino che subisce maltrattamenti ha maggiori possibilità di avere, da adulto, problemi di dipendenza dalla cocaina. La notizia arriva da uno studio condotto dalla Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma in collaborazione con le Università di Roma “La Sapienza” e “Tor Vergata”, secondo cui i traumi subiti durante l’infanzia inducono modifiche nel sistema immunitario e nei circuiti nervosi che regolano l’umore e le funzioni cognitive, esponendo a maggior rischio di dipendenza da questo tipo di droga.

Alterazioni nel sistema immunitario

Gli studiosi hanno esaminato 40 soggetti in trattamento per il disturbo da dipendenza da cocaina, rilevando che l’assunzione di questa sostanza aveva indotto un’alterazione nel funzionamento del sistema immunitario e che questa alterazione era particolarmente marcata in chi durante la loro infanzia avevano subito abusi e violenze. 

Maggior rischio di dipendenza

A spiegare i risultati della ricerca pubblicata su Biological Psychiatry è Valeria Carola, ricercatrice del Laboratorio di Neurobiologia del Comportamento dell’Irccs Santa Lucia e coordinatrice della ricerca: “Il maltrattamento, soprattutto emotivo, provoca nel bambino uno stress capace di attivare una risposta infiammatoria abnorme e di alterare la maturazione del sistema immunitario con una modifica permanente del suo funzionamento”. Questa particolare sensibilità, continua la studiosa, rende il soggetto più esposto al rischio di dipendenza da cocaina e di ricadute durante l’astinenza e aumenta il rischio di malattie del sistema nervoso centrale indotte dall’abuso di sostanze.

Non solo predisposizione genetica

Lo studio nasce dalla volontà di contribuire a un cambio di paradigma nella ricerca delle cause fisiologiche delle dipendenze: “A lungo – spiegano i ricercatori – si è ipotizzata come causa prioritaria la predisposizione genetica dell’individuo, che lasciava poche speranze alla possibilità di recupero. Oggi stiamo riscontrando sempre più il ruolo chiave dei fattori ambientali e relazionali che, attraverso meccanismi di modifica del Dna sono in grado di alterare determinate funzioni dell’organismo”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’assunzione di cocaina provoca forte dipendenza fisica e psichica e il consumo di dosi eccessive può indurre la comparsa di convulsioni e di stati di delirio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti