Cocaina: i traumi infantili possono portare alla dipendenza

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 25/09/2018 Aggiornato il 25/09/2018

L'esposizione ad abusi soprattutto emotivi in età precoce altera il sistema immunitario, aumentando, a distanza di anni, il rischio di dipendenza da cocaina. Ecco perché

Cocaina: i traumi infantili possono portare alla dipendenza

Un bambino che subisce maltrattamenti ha maggiori possibilità di avere, da adulto, problemi di dipendenza dalla cocaina. La notizia arriva da uno studio condotto dalla Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma in collaborazione con le Università di Roma “La Sapienza” e “Tor Vergata”, secondo cui i traumi subiti durante l’infanzia inducono modifiche nel sistema immunitario e nei circuiti nervosi che regolano l’umore e le funzioni cognitive, esponendo a maggior rischio di dipendenza da questo tipo di droga.

Alterazioni nel sistema immunitario

Gli studiosi hanno esaminato 40 soggetti in trattamento per il disturbo da dipendenza da cocaina, rilevando che l’assunzione di questa sostanza aveva indotto un’alterazione nel funzionamento del sistema immunitario e che questa alterazione era particolarmente marcata in chi durante la loro infanzia avevano subito abusi e violenze. 

Maggior rischio di dipendenza

A spiegare i risultati della ricerca pubblicata su Biological Psychiatry è Valeria Carola, ricercatrice del Laboratorio di Neurobiologia del Comportamento dell’Irccs Santa Lucia e coordinatrice della ricerca: “Il maltrattamento, soprattutto emotivo, provoca nel bambino uno stress capace di attivare una risposta infiammatoria abnorme e di alterare la maturazione del sistema immunitario con una modifica permanente del suo funzionamento”. Questa particolare sensibilità, continua la studiosa, rende il soggetto più esposto al rischio di dipendenza da cocaina e di ricadute durante l’astinenza e aumenta il rischio di malattie del sistema nervoso centrale indotte dall’abuso di sostanze.

Non solo predisposizione genetica

Lo studio nasce dalla volontà di contribuire a un cambio di paradigma nella ricerca delle cause fisiologiche delle dipendenze: “A lungo – spiegano i ricercatori – si è ipotizzata come causa prioritaria la predisposizione genetica dell’individuo, che lasciava poche speranze alla possibilità di recupero. Oggi stiamo riscontrando sempre più il ruolo chiave dei fattori ambientali e relazionali che, attraverso meccanismi di modifica del Dna sono in grado di alterare determinate funzioni dell’organismo”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’assunzione di cocaina provoca forte dipendenza fisica e psichica e il consumo di dosi eccessive può indurre la comparsa di convulsioni e di stati di delirio.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti