Collane di pasta Montessori, come crearle con i bambini?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 18/11/2022 Aggiornato il 19/06/2024

Per trascorrere del tempo di qualità insieme con i bambini, sono perfetti semplici lavori come le collane di pasta Montessori, che divertono e stimolano la fantasia dei bambini

come fare le collane di pasta montessori

Un’attività divertente e al tempo stesso anche molto educativa, adatta anche ai bambini più piccoli, è la creazione di collane di pasta Montessori. È a costo pari quasi a zero, perfetta per trascorrere in modo costruttivo un pomeriggio di pioggia anche insieme ai piccoli amici. Vediamo insieme come si deve procedere e che cosa serve per fare le collane di pasta.

Che cosa sono le collane di pasta Montessori?

Le collane di pasta Montessori sono un’attività che segue il metodo Montessori, i cui insegnamenti sono ancora attuali e seguiti in molte strutture per l’infanzia. Secondo Montessori, i bambini sanno perfettamente regolarsi e indirizzare correttamente le proprie capacità, se sono liberi di esprimersi. Il via libera alla creatività passa anche attraverso attività ludiche che per i più piccoli, sono una vera e propria occupazione, in grado di stimolare le abilità, scaricare le energie mentali, esprimere la fantasia e le capacità di ciascuno. Le collane di pasta rispondono a questi principi: in piena sicurezza, permettono al bambino di liberare le sue idee creative e di maturare dal punto di vista cognitivo.

Quali materiali occorrono per le collane di pasta Montessori?

Per creare le collane di pasta Montessori è bene procurarsi:

 

  • pasta di formato abbastanza grande, che si possa infilare, per esempio penne, tortiglioni, ruote
  • un cordino abbastanza sottile ma resistente
  • tempere o acquerelli atossici
  • un bicchiere stabile in plastica con acqua
  • pennelli piccoli.

 

Come si procede per creare le collane di pasta Montessori?

I bambini si siedono attorno a un tavolo con la superficie coperta da una tovaglia cerata o comunque da un tessuto lavabile. Scelgono un pezzetto della pasta del formato che preferiscono e lo dipingono del colore che desiderano, intingendo il pennello prima nell’acqua e poi nel colore. Se sono già abbastanza abili, possono cercare di colorare la pasta anche all’interno. Il pezzetto si pone poi ad asciugare bene sulla tovaglia. Si procede così, secondo quello che suggerisce la fantasia e il gusto del bambino: qualcuno userà sempre lo stesso formato e colore per un risultato sobrio e uniforme, altri bambini varieranno i formati ma non il colore, altri dipingeranno i vari pezzetti di pasta con tutti i colori disponibili.

Si possono creare anche altri oggetti in pasta?

Le combinazioni sono davvero tante ed è bene che i piccoli possano decidere in modo autonomo come procedere. Una volta che la pasta è ben asciutta, la si infila nel cordino. Anche in questo caso è bene tagliarlo in varie lunghezze, per creare collane lunghe, lunghissime a più giri, oppure corte a girocollo. Si possono naturalmente creare anche altri oggetti, per esempio bracciali, cavigliere, coroncine per i capelli, catene colorate da appendere in cucina o in cameretta. Anche in questo caso i bambini potranno proporre di volta in volta le loro idee.

Per quale età è adatta questa attività?

Le collane di pasta Montessori sono un’attività adatta ai bambini dai 24 mesi  in su. A questa età, infatti, i bimbi iniziano a perfezionare il movimento fine, quindi in fatto di dipingere un oggetto piccolo e, poi, infilarlo in un cordino, aumenta l’abilità nell’uso preciso delle mani, stimola la concentrazione e la coordinazione vista-gesto. È anche possibili iniziare prima, variando un po’ l’uso dei materiali. Per esempio, ai bambini di 15-18 mesi si possono proporre formati di pasta davvero giganti, per esempio i paccheri o i cannelloni, eventualmente evitando l’uso del colore. Oppure si possono proporre anelli in cartone, ritagliati in tubi di carta casa, colorati insieme con i bambini con pastelli a cera.

Qual è ruolo degli adulti?

È importante che un genitore o un educatore sia presente mentre i bambini si dedicano alla creazione delle collane di pasta Montessori. Il suo ruolo è soprattutto quello controllare che i piccoli non portino alla bocca la pasta, soprattutto se già colorate, il cordino o i colori (il rischio, fino ai tre anni, può infatti esserci). Inoltre la presenza dell’adulto dà al bambino un senso di sicurezza se non sa come procedere o ha qualche difficoltà. È però importante che, dopo aver dato l’esempio di come si colora o si infila la pasta, l’adulto lasci che i bambini facciano da soli, anche a costo di sporcarsi o di creare, come è normale, qualcosa di tutt’altro che perfetto.

 

 

 
 
 

In sintesi

Per colorare la pasta occorrono sempre i pennelli?

Non è detto, è anche possibile dare il colore alla pasta tutta insieme. Si versa in un sacchetto di plastica assolutamente privo di buchi un po’ di tempera diluita con acqua, quindi si inserisce la pasta e si agita vigorosamente (è meglio che sia l’adulto a farlo). Si tira fuori la pasta, la si lascia asciugare bene e a questo punto si può infilare.

Le collana di pasta Montessori sono un gioco adatto a tutti?

Sì, creare le collane di pasta Montessori è un gioco divertente, creativo e inclusivo. I piccoli saranno poi ulteriormente gratificati nel donare i piccoli oggetti alla maestra, alla mamma o a un amico.

 

Fonti / Bibliografia

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti