Viaggi interdentali: come insegnare ai bambini a lavarsi i denti?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 28/10/2022 Aggiornato il 28/10/2022

I bambini devono imparare a lavarsi i denti e curare l’igiene orale fin da piccoli per mantenere una bocca sana da adulti. Ecco come aiutarli

è importante lavare i denti

Spesso i genitori sottovalutano l’importanza di curare i denti dei propri bambini fin dai primi mesi di vita: invece, è una manovra fondamentale per avere un cavo orale in salute negli anni. Ecco perché, quando i bambini sono in grado di capire, bisogna insegnare loro a occuparsi della propria bocca. Purtroppo non è sempre facile convincerli a lavare bene i denti e a mangiare sano. In aiuto di mamma e papà arriva Viaggi Interdentali, un nuovo progetto multimediale per la promozione di una corretta igiene orale rivolto ai bambini dai 4 ai 10 anni.

Cosa succede se i bambini non si lavano i denti?

L’igiene della bocca va curata fin da quando il bambino è piccolissimo, passando una garza di cotone sulle sue gengive. Quando spuntano i dentini si deve passare all’uso dello spazzolino e del dentifricio: all’inizio saranno mamma e papà a occuparsi dell’operazione, ma quando il piccolo è sufficientemente grande e capace diventerà un suo compito. È fondamentale curare con attenzione la salute orale, perché altrimenti possono comparire problemi come carie  e infezioni.

Come insegnare a un bimbo a lavarsi i denti?

Ai genitori spetta il compito di spiegare ai figli che i denti vanno lavati bene e a lungo, con movimenti dall’alto verso il basso. Bisogna anche spiegare loro che devono evitare di mangiare troppi zuccheri, perché sono amici della carie. Per aiutare i bambini a famigliarizzare con certi concetti e a comprendere l’importanza dell’igiene orale, la dottoressa Silvia Rapa Cocconi, una giovane mamma odontoiatra specialista in ortodonzia, ha deciso di ideare un progetto educativo ad hoc, Viaggi interdentali. Per la fascia di età 4-7 anni, la specialista ha sviluppato il libro intitolato “Accidenti”: un albo illustrato che ha per protagonista il piccolo Giovanni, alle prese con il primo dentino che cade e con i batteri nemici della bocca. Il testo è pensato per avere due destinatari: i bambini e i genitori, ai quali si forniscono informazioni e approfondimenti tramite apposite finestre di testo. Inoltre, sul sito viaggiinterdentali.it sono disponibili contenuti multimediali, come la canzone dello spazzolino e il certificato di “supereroe dei denti”.

Per i bambini più grandicelli, dai 7 ai 10 anni, sono stati studiati contenuti coinvolgenti e stimolanti, come letture, fumetti, quiz e schede sempre scaricabili gratuitamente dal sito. Questa sezione, che si intitola “Viaggia con me”, può essere per utilizzata anche in classe dai docenti.

 

 
 
 

In sintesi

Cosa fare se il bambino non vuole lavarsi i denti?

Quando i bambini sono piccoli, quello della pulizia dei denti deve essere un momento piacevole e divertente. Per esempio, si può cantare loro una canzoncina. Sì anche a lavare i denti insieme a loro, dando il buon esempio.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti