Inappetenza bambini: cause, rimedi e cosa fargli mangiare?

Chiara Di Paola A cura di Chiara Di Paola Pubblicato il 06/09/2022 Aggiornato il 06/09/2022

Capita, nel corso dello sviluppo, che i bambini inizino a rifiutare il cibo. Le ragioni possono essere molte e spesso si tratta solo di una fase transitoria che si risolve naturalmente o con l’aiuto di piccole strategie per rendere più piacevole il momento della pappa e invogliare i bambini a mangiare. Altre volte invece…

perché i bambini rifiutano la pappa

La preoccupazione che il proprio bambino non mangi a sufficienza appartiene a tutte la mamme, soprattutto nei primi anni di vita, quando è frequente che il piccolo attraversi delle fasi di inappetenza. Prima di preoccuparsi è bene capire quali possono essere le ragioni di questo comportamento, la durata dell’inappetenza e le immediate conseguenze osservabili sulla condizione fisica ed emotiva del bambino. Ecco perchè e cosa fare quando i bambini non voglio più mangiare.

Perché i bambini perdono l’appetito?

Il rifiuto del cibo è una condizione frequente nei bambini, che accompagna momenti di transizione psicofisica e che solo in alcuni casi è sintomo di un reale disagio o di una vera e propria patologia.

  • Cause fisiche. Nella maggior parte dei casi l’inappetenza rappresenta la fisiologica espressione di un cambiamento che riguarda direttamente il bambino e al quale il piccolo può inizialmente faticare ad abituarsi (per esempio il passaggio dall’allattamento alla pappa durante lo svezzamento o lo spuntare dei primi dentini). Anche l’aumento delle temperature nella stagione estiva può influire sull’alimentazione del bambino, che può mostrare minore appetito e meno attrazione verso il cibo (soprattutto se le pietanza gli vengono proposte calde).
  • Cause psicologiche. Anche trasformazioni dell’ambiente e del contesto familiare in cui il bambino vive possono influenzare le dinamiche legate alla pappa. I piccoli sono molto ricettivi nei confronti di ciò che accade attorno a loro (come un trasloco, l’arrivo di un fratellino/sorellina, il ritorno al lavoro della mamma, un lutto familiare, eventuali momenti di tensione tra i genitori) e manifestano questa loro sensibilità anche attraverso l’alimentazione, che si trasforma anche in uno strumento per sfidare i genitori o attirare su di sé la loro attenzione.
  • Cause patologiche. In altri casi respingere il cibo è un modo per il bambino di segnalare un disagio o un malessere fisico. Fortunatamente nella maggior parte dei casi si tratta di affezioni minori: dal semplice raffreddamento all’aftosi del cavo orale, dai banali disturbi gastrointestinali che affliggono tutti i bambini alla blanda intolleranza verso alcuni alimenti. Solo raramente l’inappetenza è il primo campanello d’allarme di vere e proprie malattie (infezioni, cardiopatie, disturbi endocrini, allergie).

 

Cosa fare se il bambino sputa la pappa?

Dal momento che rifiutare il cibo è un comportamento che accomuna molti bambini, ed essendo così vasto il panorama delle possibili cause, prima di preoccuparsi è meglio valutare le condizioni generali del piccolo:

in quali occasioni succede
Innanzitutto occorre considerare la durata e l’intensità dell’inappetenza. Se il bambino manifesta repulsione solo verso certi tipi di alimenti, la sua inappetenza potrebbe in realtà esprimere il disagio legato a sapori o consistenze che non gradisce. Se invece il rifiuto del cibo si manifesta solo in determinate situazioni, il piccolo potrebbe essere infastidito o “distratto” da ciò che lo circonda e che trasforma l’atto del mangiare in qualcosa di collaterale e secondario rispetto al gioco, ai cartoni animati in tv, ai discorsi dei grandi.

cresce poco o perde peso
Ancora più importante è verificare se al rifiuto del cibo disturbo si associ un arresto della crescita o una diminuzione del peso del bambino. Solo in questo caso il disturbo può considerarsi preoccupante, perché tali sintomi possono preludere a un’anoressia persistente che potrebbe provocare sul lungo periodo conseguenze anche gravi come disidratazione, acidosi, carenze nutrizionali e compromissione dello sviluppo fisico e cognitivo.

strategie salva-appetito

Spesso basta poco per invogliare il bambino a mangiare e aiutarlo a superare una fase di inappetenza.

  • Meglio non forzare il piccolo a mangiare ma offrirgli dei cibi leggeri e digeribili (non necessariamente dieta in bianco) se il rifiuto della solita pappa è legato a eventi fisiologici (dentizione, malattie ricorrenti, infezioni respiratorie, intestinali o urinarie, sintomi post-vaccinazione).
  • Assecondare i suoi gusti, senza viziarlo ma semplicemente sostituendo un alimento con un equivalente, se l’avversione del bambino si manifesta solo verso alcune pietanze. Per rendere più appetibile un cibo può essere sufficiente migliorarne la presentazione, per esempio giocando con le forme e i colori presenti nei piatti.
  • Valorizzare il momento-pappa (per esempio attraverso la regolarità e il rispetto degli orari e dei luoghi in cui si mangia) quando il problema dipende dal “contesto” : far sì che il pasto rappresenti una situazione piacevole e tranquilla, in cui il piccolo avverta l’affetto e l’attenzione che i genitori gli rivolgono, può indurlo a mangiare più volentieri. Se il bambino è più grandicello coinvolgerlo maggiormente nella preparazione dei pasti, portandolo a fare la spesa e spiegandogli da dove viene il cibo, facendosi aiutare in cucina e stimolandolo a mangiare da solo appena riesce a tenere in mano le posate.

 

Come comportarsi con un bambino che non vuole mangiare?

Non va dimenticato che i bambini apprendono e tendono a replicare le abitudini degli adulti che li circondano, e ciò vale anche per l’alimentazione. Se i genitori mostrano di rifiutare determinati cibi, difficilmente riusciranno a farli mangiare ai loro figli (almeno finché sono piccoli). Dare l’esempio di una buona “cultura alimentare” e insegnare ad apprezzare il cibo collegandolo a momenti piacevoli e situazioni conviviali è più produttivo che utilizzare ricatti e costrizioni o prospettare premi e punizioni.

 

 

 
 
 

In sintesi

Quando preoccuparsi se i bambini non mangiano?

Se la condizione di inappetenza si manifesta in un bambino che ha sempre mangiato normalmente e persiste a lungo, può essere necessario il consulto del pediatra.
La rilevazione dei dati auxologici (peso, altezza, incide di massa corporea, stato di nutrizione) e di eventuali sintomi di malattie associate, è il primo passo per distinguere difficoltà alimentari transitorie da forme realmente patologiche, ed evitare uno stato di malnutrizione che potrebbe avere conseguenze a lungo termine sulla crescita e la salute del bambino. Al di là di alcuni casi di effettiva necessità (casi di malassorbimento, carenze alimentari connesse a intolleranze) per i quali il medico potrà prescrivere la cura più adatta, l’inappetenza del bambino può essere affrontata con il supporto della fitoterapia e degli integratori naturali (sempre dopo averne parlato con il pediatra): pappa reale e fieno greco sono ottimi ricostituenti naturali che stimolano l’appetito. Anche un buon mix di vitamine, minerali e polifenoli può p favorire la crescita, stimolare le difese immunitarie, contrastare la spossatezza e stimolare l’appetito.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti