Come lavare i primi dentini?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 25/02/2022 Aggiornato il 25/02/2022

Una corretta igiene orale si impara sin da piccoli ed è garanzia di una bocca sana, al riparo da carie e altri fastidiosi disturbi. Ecco come lavare i primi dentini del bambino

Come lavare i primi dentini?

Un sorriso perfetto da adulti si conquista dedicando attenzione e pulizia ai denti sin da piccoli. Persino prima che spuntino i dentini è importante che i genitori si prendano cura della bocca del bebè, mentre con la crescita il ruolo dei grandi deve essere quello di insegnare ai bambini le regole di una corretta igiene orale, abitudine che, una volta adottata nell’infanzia, resta per tutta la vita.

Come pulire le gengive del nenato?

I genitori si chiedono spesso quando è il momento giusto per dedicarsi alla cura della bocca del piccolo. La risposta di dentisti e pediatri è concorde: fin dalla nascita se si vuole assicurare al bambino il massimo benessere e prevenire infiammazioni e fastidi. Ovviamente prima che i dentini spuntino non è necessario e neppure indicato l’uso dello spazzolino: in questa fase è sufficiente passare delicatamente sulle gengive e sui pochi dentini che stanno per uscire una garzina pulita e inumidita, avvolta intorno al dito, oppure l’apposito dito di gomma che si trova facilmente nei negozi di sanitaria. Questo gesto va ripetuto al termine di ogni poppata per evitare il proliferare dei batteri della placca che si possono accumulare sulle gengive creando infiammazione. Al tempo stesso è assolutamente vietato intingere ciucci o tettarelle del biberon nello zucchero o nel miele per calmare il neonato e favorire il sonno.

Quando iniziare con il dentifricio?

A quest’età i primi dentini sono spuntati ed è quindi opportuno cominciare a usare lo spazzolino specifico per il bebè, dalla testina piccola e dalle setole morbide: va passato sui dentini con delicatezza. Questa operazione va ripetuta almeno due volte al giorno, anche se sarebbe opportuno farla ogni volta che il piccolo mangia o beve qualcosa, insistendo con lo spazzolino, sia pur con movimenti dolci, per un paio di minuti.  Verso i due anni, quando il bambino ha imparato a sputare, si può mettere anche una piccola quantità di dentifricio per bambini.

Come si lavano i denti da latte?

I genitori dovrebbero continuare a lavare i denti al piccolo finchè non è in grado di farlo da solo, cosa che in genere accade attorno ai tre anni quando la dentizione è ormai completa. Vanno anche spiegati al bambino i principi base di una corretta igiene orale. Innanzitutto che i denti vanno lavati sempre la mattina dopo colazione e la sera prima di andare a dormire e, durante il giorno, dopo aver mangiato o bevuto qualcosa per eliminare i residui che causano la placca, responsabile a sua volta di carie e disturbi gengivali.

Come togliere il tartaro dai denti dei bimbi?

Anche il modo con cui si spazzolano i denti è importante e va quindi attentamente insegnato al bambino: lo spazzolino va tenuto leggermente inclinato rispetto alla superficie del dente affinché entri meglio nel solco gengivale e mosso con movimenti a rullo dall’alto verso il basso. Attenzione poi al tempo: per un lavaggio accurato, lo spazzolamento dell’intera bocca deve durare almeno due minuti. Usare una clessidra le prime volte può far capire ai piccoli quanto tempo davvero si deve continuare a “lavorare” con lo spazzolino per avere denti davvero puliti. In ogni caso è importante che i genitori supervisionino sempre l’operazione e continuino anche a farlo di tanto in tanto per accertarsi che la pulizia dei denti sia davvero efficace. In questa fase si può usare un dentifricio al fluoro facendo attenzione che venga impiegato in giusta quantità e non ingoiato.

Come curare i denti da latte cariati?

Il 20% dei bambini italiani tra i 4 e i 12 anni è affetto da carie dei denti da latte. Purtroppo spesso i genitori danno poco peso al problema, pensando che si tratti di denti destinati a cadere, ma così facendo sottovalutano le conseguenze negative che la perdita precoce di un dente da latte può determinare sulla salute e il benessere non solo dei denti ma dell’intero organismo. I denti da latte, infatti, sono fondamentali per la fonazione, la masticazione e la crescita dento-scheletrica del bambino. Ecco perché trascurarli o al contrario curarli attentamente determina nel futuro la necessità o meno di ricorrere a terapie ortodontiche. I denti da latte cariati, quindi, dovrebero essere curati esattamente come quelli permanenti per assicurare alla mandibola una crescita sana e preparare adeguatamente la bocca ai denti che dovranno comparire in futuro.

Cosa mangiare per evitare la carie?

La prevenzione della carie e la salute della bocca passano anche attraverso corrette scelte alimentari. È importante, quindi, insegnare al bambino a ridurre il consumo di merendine, caramelle, dolci, gelati confezionati, cioccolatini e tutto ciò che, essendo molto ricco di zuccheri, può nuocere alla salute dei denti, e non solo. Per contro, è bene aumentare il consumo di cibi “cariostatici”, cioè neutri nei confronti della carie, come verdure cotte, carne e pesce e “anti-carie” come latte, frutta secca e acqua.

Quando il primo controllo dal dentista?

È bene portare presto il piccolo dal dentista, cominciando già attorno all’anno di età e prevedere controlli periodici, fondamentali per intercettare eventuali piccole carie che, se curate subito, salvano il dentino evitando interventi più complessi e costosi. Esistono anche delle tecniche di prevenzione che, oltre a evitare vari problemi alla bocca, permettono al bambino di acquisire confidenza sia con la figura del professionista sia con lo studio dentistico. Tra queste c’è la tecnica di fluoroprofilassi, assolutamente consigliata dopo i sei anni per evitare la formazione di carie: consiste nell’applicazione in studio, per tre settimane consecutive, di morbide mascherine monouso su cui viene spalmato un gel al fluoro che restando a contatto con lo smalto dei denti lo rinforza.

Come fare a far lavare i denti ai bambini?

Perché venga accettato e soprattutto ripetuto ogni giorno, il gesto  di lavarsi i denti non deve essere vissuto dal bambino come un imposizione e un impegno gravoso ma come un gioco divertente.

1) Per questo vengono in aiuto spazzolini e dentifrici studiati per i più piccoli, realizzati con i loro personaggi preferiti che si possono utilizzare per inventare una storia mentre ci si lava i denti.

2 )Lavare i denti insieme al piccolo può essere un altro modo per far capire l’importanza della pulizia e per renderla meno noiosa.

3) I bimbi hanno bisogno di vedere e toccare per mano per imparare. Il trucco allora può essere quello di far verificar in modo diretto dove si nascondono i batteri, usando le pastiglie rivelatrici di placca: si tratta di compresse colorate da sciogliere in bocca dopo essersi lavati i denti che, grazie a un colorante alimentare, mostrano dove è rimasta la placca nonostante la pulizia. Se poi anche i genitori le usano, il gioco può diventare quello di scoprire chi ha i denti meno colorati ed è stato quindi più bravo nel lavarsi i denti.

 

 

 
 
 

In sintesi

Quando si dà il fluoro ai bambini?

Il fluoro è un minerale importante per far crescere sani e forti i denti dei bambini, proteggendoli dalla carie. Per questo una supplementazione di fluoro in gocce è raccomandata ai partire dai 6 mesi di età. In ogni caso, prima di dare il fluoro al bambino occorre sentire il parere del proprio pediatra.

Quando si passa il filo interdentale?

Spesso i genitori si chiedono quando sia il momento adatto usare anche il filo interdentale. Tenendo conto che si tratta di uno strumento non adatto ai denti da latte, se ne consiglia l’uso dopo i cinque-sei anni di età, anche perché l’operazione richiede una certa manualità che si sviluppa con il tempo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco coriale: i conati di vomito possono causarlo?

04/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è molto probabile che eventuali attacchi di vomito siano responsabili di un "distacco", mentre è verosimile che la causa sia da ricercarsi nell'infezione che li ha indotti.   »

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti