Come proteggere i bambini dall’inquinamento? Le regole per la bicicletta

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 30/03/2022 Aggiornato il 30/03/2022

I più piccoli, trasportati nei seggiolini delle biciclette, inalano molti inquinanti. Ecco come proteggere i bambini dall’inquinamento

Come proteggere i bambini dall’inquinamento? Le regole per la bicicletta

Quando si vive in città molto trafficate, ad alto tasso di inquinamento, è dovere di tutti cercare mezzi alternativi non inquinanti. Attenzione però anche a difendere i bambini dallo smog che si respira in luoghi insospettabili, come succede nel seggiolino delle biciclette. Secondo una ricerca condotta dall’Università del Surrey e pubblicata su Journal of Hazardous Materials Advances , i bimbi trasportati così respirano aria più inquinata degli adulti che pedalano. Ecco come proteggere i bambini dall’inquinamento.

Perché i bambini respirano più smog?

I responsabili della ricerca hanno studiato un modello di percorso casa-scuola e ritorno, circa 2 km a tratta nella città di Guildford, in Inghilterra. Durante il tragitto di andata, la concentrazione media di particelle inquinanti rilevata nel rimorchio era del 14% superiore a quella registrata all’altezza del ciclista. Durante il trasporto pomeridiano, per il ritorno a casa, saliva al 18%. Gli scienziati hanno verificato che i bambini erano maggiormente esposti a inalare sostanze inquinanti in particolari momenti e in luoghi, per esempio negli orari con traffico più intenso e ai semafori. Una soluzione che, secondo i ricercatori, potrebbe aiutare a difendere i bambini dallo smog trasformare i rimorchi in “cabine”, utilizzando le apposite coperture in materiale plastico. Accorgimento valido anche per i passeggini. Questi semplici dispositivi sembrano capaci di ridurre fino al 50% le concentrazioni di particolato fine e fino al 24% quelle di fuliggine, una componente delle polveri sottili Pm2,5.

In quale altro modo si possono difendere i bambini dallo smog?

Gli autori dello studio hanno osservato che le categorie più esposte sono proprio le persone che contribuiscono a ridurre l’inquinamento usando la bicicletta invece che la macchina. Oltre che a utilizzare le coperture per i rimorchi nelle zone di traffico intenso, per proteggere i bambini dall’inquinamento bisognerebbe anche scegliere percorsi lontani dal traffico, preferendo se possibile percorsi che costeggino parchi o attraversino giardini. Si dovrebbero invece evitare i percorsi più vicini a strade trafficate, che obblighino a soste ai semafori con i bambini all’altezza dei tubi di scappamento. L’ideale sarebbe poi che chi pianifica il traffico provvedesse a predisporre infrastrutture stradali che assicurino un uso sicuro dei mezzi di trasporto non inquinanti, come le piste ciclabili.

 

Quali sono i danni dello smog sui bambini?

È essenziale proteggere i bambini dall’inquinamento perché le polveri sottili sono pericolose soprattutto per i più piccoli. Nell’infanzia il metabolismo è più veloce rispetto a quello degli adulti; i bimbi poi hanno una frequenza respiratoria maggiore e hanno anche una statura che li espone fisicamente ai tubi di scappamento delle auto. Quindi, sono più soggetti agli effetti degli agenti nocivi. L’esposizione agli inquinanti atmosferici e in modo particolare alle polveri sottili, provoca una infiammazione delle vie respiratorie. Questo predispone a un rischio di sviluppare più facilmente di bronchiti, polmoniti e broncospasmo. Inoltre secondo altri studi, gli inquinanti possono causare danni anche al sistema nervoso dei più piccoli, aumentando il rischio di problemi cognitivi e difficoltà neuro-comportamentali.

 

 

 
 
 

In sintesi

Come è possibile difendere i bambini dall’inquinamento?

Per evitare che l’inquinamento provochi danni ai bambini è utile evitare di farli giocare vicino ad aree trafficate, preferendo zone con un po’ di verde. Anche nel tragitto di andata e ritorno dalla scuola, è bene scegliere strade più tranquille, anche a costo di impiegare più tempo. Per proteggere bronchi e polmoni dei bambini è importante che i genitori non fumino.

La corretta alimentazione può aiutare contro i danni dello smog?

Sì, un regime alimentare ricco di frutta e ortaggi di stagione aiuta a fare scorta di vitamina C e di sostanze antiossidanti che contrastano l’azione infiammante che gli inquinanti esercitano sui tessuti dell’apparato respiratorio. Agrumi, kiwi, frutti di bosco, carote, pomodori devono essere presenti nel menu quotidiano.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti