Con il caldo salgono i rischi di tachicardia, febbre e colpo di calore nei bambini

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 10/08/2021 Aggiornato il 10/08/2021

I bambini soffrono particolarmente il caldo. Se non si adottano le giuste precauzioni, quindi, in estate possono correre diversi rischi. Ecco come proteggerli

Con il caldo salgono i rischi di tachicardia, febbre e colpo di calore nei bambini

Il caldo mette a dura prova il sistema di termoregolazione e l’organismo dei bambini, specie di quelli più piccoli. Per questo, in estate occorre fare molta attenzione e osservare tutta una serie di precauzioni. In caso contrario, i bimbi potrebbero andare incontro ad alcuni rischi, come tachicardia, febbre e colpo di calore.  
 

Con il caldo il corpo può andare in tilt

L’organismo, per stare bene, deve mantenere una temperatura corporea costante, intorno ai 37° C, bilanciando la produzione e la dispersione del calore a seconda delle condizioni esterne. Quando fa molto caldo, il sistema di termoregolazione, che ha proprio la funzione di regolare la temperatura interna, è chiamato a un super lavoro e può andare in tilt. Il corpo può così non riuscire a disperdere il calore eccessivo e possono subentrare disturbi come tachicardia e febbre. Comuni anche crampi, stanchezza, svenimenti, gonfiori, difficoltà di respirazione, disidratazione.

I bambini sono più a rischio

I neonati e i bambini, specie sotto i quattro anni, sono particolarmente vulnerabili alle ondate di caldo. Infatti, i meccanismi di termoregolazione raggiungono la completa maturazione solo dopo una certa età, anche a causa della ridotta superficie corporea (attraverso cui si suda e si disperde calore). Sono considerati soggetti fragili anche i bambini con malattie croniche, come ricordano gli esperti dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

I rischi sono maggiori nei periodi prolungati di condizioni meteorologiche estreme con temperature al di sopra della media, spesso associate ad alti valori di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione.

Il colpo di calore

 Nei casi più seri, l’esposizione a caldo e umidità può causare un vero e proprio colpo di calore, ossia un aumento anomalo della temperatura corporea. Inizialmente, il piccolo può essere soggetto ad arrossamento cutaneo, nausea, vomito, confusione, crampi. Se la sudorazione copiosa non riesce ad aumentare a sufficienza e a eliminare il calore in eccesso, la temperatura corporea può salire fino a 39- 40 gradi e il quadro neurologico diventa progressivamente più severo: possono comparire agitazione, aggressività, cefalea insopportabile, perdita di coscienza, diminuzione della pressione arteriosa, freddo, brividi, pallore cutaneo. Sopra i 40 gradi la situazione diventa molto seria. Anche l’esposizione diretta al sole è dannosa. Infatti, oltre a provocare ustioni, può innescare il colpo di sole.

Le regole di prevenzione

Per prevenire i rischi da caldo nei bambini è importante  offrire spesso da bere al bambino nell’arco della giornata, non farlo uscire nelle ore più calde, non esporlo alla luce diretta del sole, tenerlo in ambienti freschi e ventilati, fargli indossare vestiti leggeri che consentano una buona traspirazione.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Al mare, per prevenire i disturbi da caldo nei bambini, occorre limitare l’esposizione al sole. Nelle ore centrali della giornata, meglio stare in un luogo fresco e arieggiato. Bagnare spesso la testa del piccolo e quando le temperature sono proibitive rinfrescare il suo corpo con una doccia o un bagno. Non dimenticare la crema solare.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti