Come si cura la congiuntivite Vernal?

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 03/06/2022 Aggiornato il 03/06/2022

Intenso prurito, lacrimazione, fastidio alla luce, ma anche bruciore e sensazione di corpo estraneo negli occhi possono indicare la presenza di un’allergia o di una malattia immuno-allergologica. Ecco come si cura la congiuntivite Vernal

bambino con congiuntivite vernal

Tra le principali cause degli occhi rossi c’è una delle patologie più diffuse in età pediatrica: la congiuntivite allergica – stagionale o perenne – spesso associata a sintomi nasali, tanto che abitualmente si parla di rinocongiuntivite allergica. Altre volte, questi stessi sintomi, accompagnati però anche da secrezione di muco biancastro, filamentoso, identificano una malattia non sempre facilmente riconosciuta: la congiuntivite Vernal (Vkc), ovvero una cheratocongiuntivite infiammatoria, su base immuno-allergologica. Il termine “Vernal”, che significa “primaverile”, indica esclusivamente la stagione nella quale più comunemente compaiono i primi sintomi (marzo-giugno), che proseguono in estate, attenuandosi in autunno. Il picco di incidenza si ha nei Paesi a clima caldo e temperato, come il bacino del Mediterraneo.

Cosa succede se non si cura la congiuntivite?

La congiuntivite Vernal è una malattia infiammatoria della congiuntiva (congiuntivite), la pellicola trasparente che riveste la parte anteriore del bulbo oculare e la parte interna delle palpebre. Nelle forme più serie colpisce anche la cornea (dando luogo a cheratite), che è la struttura anteriore, centrale e trasparente dell’occhio. In questo caso la patologia, se non diagnosticata e curata, è potenzialmente più pericolosa per la vista.

Cosa succede quando la congiuntivite Vernal colpisce i bambini?

La congiuntivite Vernal riguarda soprattutto i bambini dall’età prescolare (3-5 anni) fino a circa la maggiore età, con una prevalenza del sesso maschile rispetto al sesso femminile. Con gli anni può peggiorare, sia per quanto riguarda l’intensità dei sintomi sia per la durata. Inoltre, limita fortemente le attività quotidiane, perché chi ne soffre può avvertire una sensazione di corpo estraneo negli occhi, con prurito, bruciore, lacrimazione e anche dolore e sensazione di ‘velo’ davanti agli occhi, che impedisce la lettura e il disegno. La forte fotofobia (fastidio alla luce) costringere a stare chiusi in casa e a evitare spesso anche le luci artificiali, specie quelle al neon e la luce blu.

Nella fase acuta, la congiuntivite Vernal si può associare a calo della vista temporaneo, dovuto all’accumulo di secrezioni sulla superficie dell’occhio e alla sofferenza degli strati superficiali della cornea; il deficit visivo può diventare permanente se il danno alla cornea sfocia in una cicatrice centrale o se i danni a livello della congiuntiva o della cornea si cronicizzano, provocando alterazioni indelebili.

Quali sono i sintomi della congiuntivite Vernal?

I sintomi della Vernal sono simili a quelli delle altre forme allergiche oculari, ma sono molto amplificati e interessano entrambi gli occhi, spesso in modo asimmetrico, colpendo cioè più un occhio dell’altro. I sintomi più comuni sono:

  •  prurito
  •  arrossamento
  •  fotofobia
  •  secrezione di muco spessa e filamentosa
  • bruciore
  •  lacrimazione
  •  sensazione di corpo estraneo
  •  dolore
  •  pseudo-ptosi palpebrale (ossia un abbassamento completo o parziale delle palpebre superiori o inferiori).

 

All’inizio i disturbi possono essere di breve durata (da pochi giorni a qualche settimana) soprattutto nella stagione primaverile o estiva. In genere, la Vernal peggiora in estate e migliora con l’arrivo dell’autunno. La difficoltà di adattamento alla luce, specie all’esterno, ma anche al risveglio nei casi più gravi, è un sintomo importante che tende a peggiorare in presenza di vento e polvere. Quando la fotofobia è molto intensa, è necessario escludere una lesione della cornea con una visita oculistica.

Che cos’è la congiuntivite Vernal?

 

Non è sempre facile diagnosticare la Vernal. La certezza della diagnosi deriva dalla collaborazione tra pediatra, allergologo e oculista e dal confronto dei vari dati. Può trattarsi di Vernal se:

  •  l’età all’esordio è 3-8 anni (nel 70-80% dei casi);
  •  la congiuntivite ha un andamento tipicamente stagionale primaverile-estivo, anche fino all’autunno;
  •  i sintomi perdurano e peggiorano in estate (a differenza della congiuntivite stagionale allergica da pollini, che di solito si risolve o regredisce nettamente in estate);
  •  non risponde ai comuni trattamenti antiallergici, specie agli antistaminici;
  •  si allevia con i corticosteroidi, di fatto gli unici farmaci in grado di controllare la malattia efficacemente.

 

 

 

 
 
 

In breve

Come curare la Vernal?

La Vernal viene sospettata dal pediatra e dall’allergologo pediatra per le caratteristiche dell’andamento clinico nel tempo e in base alla risposta alle comuni terapie antiallergiche; viene diagnosticata, nella stagione sintomatica, da un oculista e viene gestita in collaborazione tra l’oculista, il pediatra allergologo-immunologo e il medico pediatra. La terapia principale è il collirio cortisonico, il cui utilizzo però non può essere protratto a lungo per i potenziali gravi effetti collaterali a livello oculare (come le sovrainfenzioni batteriche, l’ipertensione oculare fino al glaucoma secondario e alla cataratta).  Studi clinici consolidati hanno dimostrato l’efficacia della ciclosporina A (CsA), un immunosoppressore che, impiegato nelle forme moderate e severe, non ha dato complicanze. La resistenza o scarsa risposta alla CsA in un ristretto numero di pazienti ha portato alla ricerca di altri farmaci da utilizzare in forma di colliri. Tra questi, in particolare, il Tacrolimus sta dando buoni risultati. Attualmente sono allo studio altre terapie, quali le formulazioni di Anticorpi anti IgE da somministrare per via intramuscolare, già utilizzate per l’asma allergico.

Si può prevenire la congiuntivite Vernal?

Sia per prevenire le irritazioni agli occhi sia per non peggiorare la malattia è importante cercare di evitare le situazioni ambientali a rischio, in particolare il contatto degli occhi con sostanze irritanti (bagnoschiuma, shampoo, creme per il viso), la permanenza in luoghi polverosi (con ventilazione forzata o aria condizionata) e lo sfregamento degli occhi. In caso di fastidio intenso è molto utile lavare con frequenza gli occhi e il viso con acqua fresca. L’esposizione diretta alla luce solare, il vento e il contatto con l’acqua salata del mare e quella clorata delle piscine possono scatenare la malattia o peggiorarne i sintomi. Quindi, è consigliabile far indossare sempre al bambino occhiali da sole, cappelli con visiera e occhialini in piscina e ridurre al minino la permanenza in luoghi ad alto irraggiamento solare (alta montagna e mare in estate).  Anche le luci alogene e gli schermi luminosi (computer, televisione) sono fattori che possono peggiorare i sintomi della Vernal.

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti