Contagi di Covid tra i bambini in salita ovunque

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 24/11/2021 Aggiornato il 24/11/2021

Nelle scorse settimane negli Stati Uniti i contagi di Covid tra i bambini sono esplosi e la stessa situazione si sta verificando anche da noi

Contagi di Covid tra i bambini in salita ovunque

L’inverno, lo stare al chiuso sono condizioni che tipicamente favoriscono la diffusione delle infezioni. È stato sempre così per raffreddore e influenza, più di recente per l’epidemia di virus sinciziale e sta succedendo per l’infezione da Sars-Cov-2. Negli Usa, i contagi di Covid tra i bambini sono triplicati e lo stesso sta succedendo in Europa e in Italia.

Boom di contagi di Covid tra i bambini

I casi di Covid tra i bambini negli Stati Uniti sono aumentati rapidamente, con quasi 500.000 notifiche nelle ultime due settimane e un tasso di incremento del 240% nel giro di un mese. Lo hanno reso noto gli esperti della American Academy of Pediatrics e della Children’s Hospital Association, nel bollettino settimanale che fotografa la circolazione del virus in età pediatrica. Già a settembre, rispetto a luglio, i contagi di Covid tra i bambini erano più che triplicati e con l’avvicinarsi della stagione fredda i casi sono ulteriormente saliti.

In Europa si sono già verificati casi seri di Covid nei giovanissimi. Senza contare l’impatto a lungo termine sui bambini, che possono subire pesanti conseguenze psicologiche in seguito ai lunghi mesi di pandemia.  

La situazione in Italia

Anche nel nostro Paese, i contagi di Covid tra i bambini sono in continua salita, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità. L’aumento maggiore è stato registrato nella fascia di bambini tra i 6 e 11 anni, per i quali non è ancora disponibile il vaccino (l’ok dell’Ema dovrebbe arrivare entro fine mese), mentre i contagi tra i ragazzi dai 12 in poi sono più contenuti, dal momento che in questa fascia di età è possibile effettuare la vaccinazione.
Anche i ricoveri sono proporzionati a questa situazione: tra i giovanissimi, quelli che vanno più spesso incontro a complicanze o a necessità di ricovero sono tra le categorie che devono ancora ricevere il vaccino. I casi seri si registrano anche tra i più piccoli, soprattutto tra coloro che soffrono di qualche disturbo alla respirazione, al cuore o al sistema immunitario. E proprio i più piccoli sono maggiormente a rischio di sviluppare disturbi multisistemici, ossia a carico di diversi organi, oppure di incorrere nel cosiddetto “long Covid”, una forma che tende a cronicizzare.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Nell’attesa che anche i più piccoli possano essere vaccinati, è essenziale difenderli con l’uso corretto della mascherina, il lavaggio delle mani, il distanziamento. Per il gioco con i coetanei è meglio privilegiare gli spazi aperti.

 

Fonti / Bibliografia

  • Critical Updates on COVID-19The American Academy of Pediatrics offers pediatricians clinical guidance, practice management information and advocacy resources to help address and manage the COVID-19 pandemic.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti