Pidocchi: casi in aumento anche per colpa dei genitori?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/03/2014 Aggiornato il 27/03/2014

Secondo gli esperti, i genitori italiani commettono molti errori quando si tratta di curare i pidocchi. Ecco i principali

Pidocchi: casi in aumento anche per colpa dei genitori?

È probabilmente l’infestazione più comune dell’infanzia. Nonostante ciò, quando i pidocchi colpiscono, molti genitori non sanno come comportarsi. Il risultato? I casi continuano ad aumentare. Secondo gli ultimi dati, in Italia sono 1 milione e 400 mila gli under 18 colpiti da pediculosi. I più vulnerabili sono i piccini: circa 700mila “malati” hanno meno di sei anni.

Non si rivolgono al pediatra

Il primo errore che compiono mamma e papà è quello di non rivolgersi al pediatra. Secondo uno studio italiano del 2013, i genitori spesso si affidano ai consigli di amici e farmacisti. Solo quando non sanno più come risolvere i pidocchi chiedono aiuto al medico. Invece, sarebbe la prima cosa da fare.

Non eliminano le uova

Il secondo sbaglio riguarda il trattamento vero e proprio. “C’è l’idea errata che basti usare i prodotti sui capelli. Invece, va fatta anche la sorveglianza, ispezionando i capelli bagnati e togliendo pidocchi e uova con un pettine a denti molto stretti, se non tutti i giorni, almeno ogni due-tre giorni nelle tre settimane successive al trattamento” avverte Luigi Greco, vicepresidente della Società italiana di pediatria.

Usano male i farmaci

Infine, in alcuni casi c’è un uso scorretto dei farmaci, tanto che si sono verificati i primi casi di resistenza ai medicinali.

I consigli per mamma e papà

Che cosa fare allora? La Food and Drug Administration (Fda), l’ente americano che si occupa della registrazione e della regolamentazione dell’uso dei farmaci, ha pubblicato sul suo sito alcune regole utili per i genitori. È bene, dunque, che mamma e papà:

1. spieghino al bambino di evitare i contatti testa contro testa durante il gioco a scuola, a casa o sui campi sportivi;

2. facciano in modo che il figlio non condivida vestiti, cappelli, caschi, bandane, auricolari, spazzole e asciugamani;

3. disinfettino pettini e spazzole in acqua calda per 5-10 minuti.

In breve

ASILO E SCUOLA I LUOGHI DEL CONTAGIO

Secondo le statistiche del ministero della Salute, un bambino su dieci rimane vittima dei pidocchi all’interno di un ambiente scolastico. Il prurito è il sintomo più caratteristico, ma non è né precoce né frequente.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti