Problemi ai denti per un bambino su due

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 13/05/2019 Aggiornato il 13/05/2019

Più della metà dei bimbi italiani nell'ultimo anno ha sofferto di disturbi ai denti. Il momento più a rischio è l'igiene prima di andare al letto

Problemi ai denti per un bambino su due

Sette bambini su 10 affermano che lavarsi i denti è parte della routine quotidiana e 9 su 10 addirittura sostengono di lavarli due volte al giorno. Eppure in Italia sono ancora molti i bambini che soffrono di problemi ai denti: per la precisione, nell’ultimo anno ha sofferto di disturbi del cavo orale nel nostro Paese un bambino su due (il 53%). I dati arrivano da una ricerca realizzata da Edelman Intelligence (agenzia di ricerca indipendente specializzata nel settore) per Mentadent e per la divisione Oral Care di Unilever su un campione di quattromila persone (bambini, ragazzi e genitori) in otto nazioni, tra cui l’Italia.

“Non lavare i denti” come premio

Il problema nel nostro Paese, emerge dall’indagine, è che la routine dell’igiene orale risulta spesso un peso per la maggior parte dei bambini e, di conseguenza, per mamma e papà. E così il 9% dei genitori utilizza la possibilità di saltare la pulizia dei denti prima di andare a dormire come premio o ricompensa. Con conseguenze per la salute della bocca e non solo: come spiega la pedagogista Gabriella Fantana, infatti, “l’igiene, il benessere e la cura di bambini e bambine sono bisogni primari inderogabili e non devono essere oggetto di scambio e meno che mai motivo di premi o di sanzioni. Nella vita dei bambini e delle bambine i rituali, tra i quali l’igiene personale e orale, rappresentano dei momenti regolari e costanti che li accompagnano nella crescita e nella consapevolezza di far parte di una comunità che si caratterizza per comportamenti e regole. Alcuni atteggiamenti più permissivi potrebbero mettere a rischio l’efficacia del patto educativo in atto”.

Faccio da solo!

Per far sì che i piccoli imparino a lavarsi i denti in autonomia e a trarne soddisfazione, così da reiterare il gesto e da inserirlo nella routine quotidiana, è bene che vengano incoraggiati a fare da soli, anche lasciando che si bagnino o che si sporchino. “Se sapremo tollerare qualche errore di percorso – conclude la pedagogista – questo permetterà ai nostri piccoli di avvicinarsi all’obiettivo serenamente e senza ansie”.

 

Da sapere

POCHI FANNO CONTROLLI DI ROUTINE

Dalla ricerca è emerso che il 64% dei bambini viene portato dal dentista solo dopo che i problemi ai denti si sono già presentati, mentre solo il 36% viene sottoposto a controlli di routine

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti