Linee guida Oms per mamma e bambino: le raccomandazioni su parto e puerperio

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 01/06/2022 Aggiornato il 01/06/2022

È fondamentale garantire sicurezza e benessere a donna e neonato dopo il parto. Ecco le nuove raccomandazioni delle Linee guida Oms per mamma e bambino

mamma e bebè felici con le linee guida oms per mamma e bambino

I momenti immediatamente prima e dopo il parto sono i più delicati sia per la donna, sia per il bebè e questo è un dato ben noto all’Organizzazione Mondiale della sanità. La mortalità perinatale è molto calata rispetto al passato, ma resta ancora rilevante soprattutto nelle zone del mondo più disagiate. La maggior parte dei decessi materni si verifica, infatti, nelle prime ore dopo la nascita del bambino e l’obiettivo è abbassare ulteriormente questa percentuale. Le Linee guida Oms per mamma e bambino hanno questo obiettivo, oltre a quelli di garantire vicinanza alla donna e alla famiglia, favorire l’allattamento al seno, sostenere il buon avviamento della relazione mamma-figlio.

Che cosa dicono le Linee guida dell’Oms per mamma e bambino?

Le Linee guida Oms per mamma e bambino consistono in circa 60 raccomandazioni che hanno l’obiettivo di sostenere la coppia madre-figlio, comprendendo, però, il resto della famiglia, negli immediati momenti prima del parto e nelle settimane successive. Sono i momenti più impegnativi per la famiglia. Per quanto riguarda il pre-parto, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che dovrebbe essere garantita una determinata assistenza a tutte le donne in attesa, per esempio controlli medici sullo stato di salute, i test per l’Hiv e la tubercolosi, oltre alle pratiche che alleviano i dolori del dopo parto e del puerperio. L’Oms auspica anche aiuti per imparare ad allattare correttamente al seno, prevenendo quindi problemi come ragadi, ingorghi, mastiti, con un’attenzione all’aspetto psicologico della donna che comprenda anche la prevenzione della depressione post partum. Inoltre si ribadisce l’importanza del movimento e della corretta alimentazione per combattere il sovrappeso con eventuali problemi collegati, per esempio il diabete e l’ipertensione e si richiama l’attenzione all’opportunità di assumere acido folico e vitamine dietro suggerimento del ginecologo.

Quali sono le indicazioni dell’Oms per il neonato?

Per quello che riguarda i bebè, le Linee guida Oms per mamma e bambino ribadiscono l’importanza di diffondere controlli essenziali come gli screening. per individuare malattie che, affrontate subito, possono essere trattate o almeno tenute efficacemente sotto controllo, garantendo una buona qualità della vita.
Inoltre le indicazioni forniscono consigli su aspetti importanti della gestione del neonato, da quelli medici come i controlli della vista e le vaccinazioni  a quelli di puericultura, come le indicazioni per il bagnetto e la cura della ferita lasciata dal cordone ombelicale.
Le Linee guida Oms per mamma e bambino suggeriscono anche come prevenire la Sids, semplicemente ponendo il piccolo a dormire a pancia in su, come creare un ambiente domestico sicuro, come avviare lo svezzamento e molto altro ancora.
Si ribadisce che benessere e sicurezza del bambino dipendono dalla serenità della mamma, che deve ricevere ogni tipo di aiuto possibile, a partire dai corsi pre-parto fino alla degenza in maternità, alla dimissione il più precoce possibile alla possibilità di ricevere cure e visite al proprio domicilio.

 

 
 
 

In sintesi

Quando inizia il travaglio di parto?

Il travaglio “fisiologico” inizia generalmente due settimane prima della data presunta del parto. Alcuni segni ai quali prestare attenzione sono la perdita del tappo mucoso, di consistenza gelatinosa e colore rosato o rosso; le contrazioni ravvicinate e l’eventuale rottura delle acque.

Cosa vuol dire una gravidanza fisiologica?

Si intende una gravidanza che si è svolta nel modo più “naturale” possibile, senza interventi medici per la donna e il feto, in assenza di malattie, con normali valori di pressione, analisi del sangue sotto controllo e senza problemi di sovrappeso.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti