Così il bimbo cresce bilingue

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/10/2015 Aggiornato il 29/10/2015

L’utilizzo di giochi specifici e app, ma anche il contatto con bambini che parlano una lingua diversa possono favorire l’apprendimento…divertendosi

Così il bimbo cresce bilingue

È ormai fondamentale conoscere una seconda lingua con la stessa padronanza dell’italiano e, in un mondo sempre più globalizzato, sono molte le famiglie in cui i bambini crescono bilingue. Ma non è sempre facile che riescano a parlarle entrambe in maniera corretta e ogni accorgimento per aiutarli può diventare prezioso.

Parola d’ordine: divertimento

Una ricerca effettuata da Babbel, la app per imparare le lingue, ha cercato di capire come affrontare al meglio questa nuova realtà e ha trovato nel divertimento un motore fondamentale.

Tante soluzioni

Nelle città più grandi esistono numerose scuole straniere e, se se ne ha la possibilità, può valere la pena far fare al proprio figlio questa esperienza. Non tutte le famiglie hanno, però, la possibilità di iscrivere i propri figli a questi istituti, poiché la retta è piuttosto costosa. Una soluzione alternativa può essere iscriverli a laboratori di lingua in scuole private. Se si fa seguire il bambino da una baby-sitter, un’altra idea può essere quella di sceglierla appunto straniera, in modo che il bambino abbia un apprendimento quotidiano di una seconda lingua in modo del tutto naturale.

Giochi, favole e film

Esistono poi metodi più tradizionali (e anche meno costosi): libri in lingua, fiabe per i più piccoli, film e canzoni. Il bambino impara così, quasi senza accorgersene, diversi vocaboli e costruzioni grammaticali in un contesto piacevole e di divertimento.

Un’occasione anche per mamma e papà

Anche i genitori possono imparare una lingua in modo piacevole e divertendosi: dai film in lingua originale ai giornali stranieri, sono molti I modi per imparare una nuova lingua. Senza dimenticare tutte le proposte che i dispositivi mobili mettono oggi a disposizione.

 

 

 

 
 
 

In breve

PER I BAMBINI L’APPREDIMENTO È PIU’ FACILE

 La capacità di acquisire una seconda lingua è al massimo fino ai 7 anni di età, poi decade piano piano, fino a diventare molto più bassa dopo l’adolescenza.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti