Covid-19: nei bambini si manifesta soprattutto con la febbre

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 13/01/2021 Aggiornato il 13/01/2021

Nei bambini, il Covid-19 è spesso “silenzioso”. Quando si manifesta, lo fa soprattutto con la febbre. I ragazzi, invece, hanno sintomi simili a quelli degli adulti

Covid-19: nei bambini si manifesta soprattutto con la febbre

Un nuovo studio, tutto italiano, conferma un’ipotesi che circola fin dalle prime fasi della pandemia di Covid-19: i bambini si ammalano meno e hanno più raramente sintomi e quando hanno manifestazioni, la più comune è la febbre. Questo non significa che mamma e papà devono allarmarsi subito quando il figlio ha un rialzo febbrile, ma sicuramente è importante che non trascurino i segnali.

I risultati dello studio italiano

È trascorso quasi un anno da quando sono stati registrati i primi casi di Covid-19 anche in Italia. Nonostante le difficoltà e gli sbagli, da allora sono stati compiuti diversi passi in avanti. Oggi, si sanno molte più cose della malattia e si sa affrontarla in maniera più efficace. Del resto, sono stati effettuati tanti studi, anche sui bambini. Uno dei più recenti è stato condotto dalla Società Italiana di Pediatria e dalla Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (Sitip) in oltre 50 Centri infettivologici italiani, ed è stato presentato in occasione del Congresso straordinario digitale della Sip.

I bambini spesso non hanno sintomi

La ricerca ha coinvolto 759 bambini, di cui il 20% con meno di un anno. Si tratta, a oggi, dello studio europeo più dettagliato sui casi pediatrici di infezione da Covid-19. Gli autori hanno raccolto i dati di una popolazione pediatrica variegata, al fine di capire meglio l’andamento della malattia in questa fascia di età. Hanno così scoperto che effettivamente l’infezione da Sars-Cov-2 nei bambini è per lo più senza sintomi. È vero, dunque, che i più piccoli si ammalano meno o quantomeno non stanno male.

Non sottovalutare la febbre

Quando manifestano sintomi, i bambini hanno soprattutto la febbre. Infatti, nell’81,9% dei casi pediatrici di Covid-19, il segnale d’esordio è il rialzo febbrile. Seguono tosse (38%), rinite (20,8%) e diarrea (16%). Negli adolescenti, invece, i sintomi sono più simili a quelli degli adulti: alterazioni del gusto e dell’olfatto, vomito, mal di testa e dolore toracico. Stando all’indagine, dunque, il decorso della malattia è influenzato dall’età anche nella popolazione pediatrica.

Gli esperti, anche alla luce di questi dati, invitano i genitori a fare attenzione alle condizioni dei figli. Non devono entrare subito in panico se hanno la febbre, ma contattare il pediatra di riferimento per capire come procedere.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Durante il congresso, si è parlato anche della contagiosità dei bambini.  Da un’ampia analisi è emerso che i bambini raramente trasmettono il  Covid-19: si parla di un 8%.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti