Covid-19: per i bambini il rischio di ammalarsi gravemente è basso

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 08/09/2021 Aggiornato il 08/09/2021

Gli studiosi hanno esaminato i casi letali di under-18 britannici con Covid-19. Ecco cosa hanno scoperto

Covid-19: per i bambini il rischio di ammalarsi gravemente è basso

Il rischio complessivo che i bambini si ammalino gravemente o muoiano a causa del Covid-19 è “estremamente basso”. A sostenerlo è un’analisi  condotta nel Regno Unito da diverse istituzioni britanniche tra cui l’Imperial College di Londra, l’University College of London e le università di York, Bristol e Liverpool.

A rischio soprattutto i giovanissimi con patologie

Secondo i dati riportati dalla ricerca – che non è ancora stata sottoposta alla “peer review” (“revisione tra pari”), vale a dire alla valutazione dello studio da parte di specialisti con competenze simili agli autori del lavoro che ne esaminano il contenuto e l’idoneità alla pubblicazione – nei primi 12 mesi della pandemia (marzo 2020-febbraio 2021) a causa del Covid-19 sono deceduti 25 bambini e ragazzi con meno di 18 anni. Dalla ricerca emerge anche che a rischiare la vita in caso di contagio sono soprattutto i giovanissimi che soffrono di altre patologie (quali per esempio malattie croniche e neurodisabilità), ma che in ogni caso il rischio complessivo rimane basso.

I numeri della ricerca

Gli studiosi hanno trovato che nei mesi oggetto dello studio sono stati 61 i bambini e ragazzi morti con un test Covid-19 positivo. Tra questi in particolare sembra che solo il 40% sia deceduto a causa del virus, e quindi circa 25 individui, su una stima di 469 mila infezioni totali registrate nel Regno Unito. E dunque, spiegano gli autori della ricerca, “il 99,995% dei bambini e dei giovani che sono stati infettati dal Covid-19 in Inghilterra è sopravvissuto”.

Vaccini anche ai 12-15enni?

Le conclusioni dello studio sono ora al vaglio del comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione del Regno Unito per decidere se estendere la somministrazione del vaccino ai ragazzi di età compresa tra i 12 e i 15 anni  dopo che l’autorità di regolamentazione sanitaria del Regno Unito ha autorizzato l’uso del vaccino Pfizer in questa fascia di età.

 

 

 
 
 

Da sapere!

“Anche se questi dati coprono fino a febbraio 2021, le cose non sono cambiate di recente con la variante Delta. Speriamo che questi dati siano rassicuranti per i giovani e le loro famiglie”, ha affermato Elizabeth Whittaker dell’Imperial College di Londra, tra gli autori dello studio.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti