Covid-19, problemi gastrointestinali gravi nel 10% dei bambini

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 17/02/2022 Aggiornato il 17/02/2022

Nei più piccoli, il Covid-19 porta a problemi gastrointestinali gravi in un caso ogni dieci. Ricovero in terapia intensiva anche a un mese dall’infezione

Covid-19, problemi gastrointestinali gravi nel 10% dei bambini

Oltre alla sintomatologia che, purtroppo, abbiamo imparato a conoscere alle vie respiratorie, nel 10% dei bambini il Covd-19 costringe all’ospedalizzazione in terapia intensiva, anche dopo un mese dall’infezione. La causa? Seri problemi gastrointestinali.

Quali disturbi causa il Covid nei bambini?

A rivelarlo è uno studio condotto da un team di pediatri di trenta ospedali italiani, che rivela come in un quarto dei più piccoli si verifichi un’infezione acuta e quasi il 90% di quelli con un’infiammazione multisistemica sviluppi nausee, vomito, diarree e dolori addominali, specie dai dieci anni in su.

Pubblicato su Jama Network Open, lo studio ha preso in esame i dati riferiti a 685 bambini trattati al pronto soccorso durante la pandemia e contenuti nel registro Covid-19 della Società Italiana Malattie Infettive Pediatriche, in collaborazione la Società italiana di pediatra.

Che cos’è la Sindrome infiammatoria multisistemica?

Ben 628 bambini avevano un’infezione acuta da Covid-19  e 57 un’infiammazione multisistemica. Nel 9,5% dei casi, era stato constatato un grave interessamento del tratto gastrointestinale, con problemi importanti quali adenomesenterite, appendicite o peritonite, raccolta di liquidi addominali, pancreatite e invaginazione intestinale. Di questi pazienti, nel 41,5% dei casi, è stato necessario ricorrere a un intervento chirurgico.

Perché occorre individuare subito il problema?

Queste evidenze hanno portato i pediatri a convenire che nei bambini il Covid-19 comporti un grave coinvolgimento gastrointestinale molto spesso associato alla sindrome infiammatoria multisistemica. Un problema che si può prevenire individuando tempestivamente la positività.

Troppi bambini sono arrivati, infatti, in pronto soccorso senza sapere di avere il Covid-19 e con un quadro clinico già grave, sviluppato fra le 4-6 settimane dopo aver contratto il virus. Anche perché, per molti piccoli, il Covid-19 intensifica semplicemente un’infezione pre-esistente e porta ai gravi problemi gastrointestinali. Per altri, invece, intervenendo in tempo si riesce a evitare l’operazione chirurgica.

 

 

 
 
 

In sintesi

Come si manifesta il Long Covid nei bambini?

È vero che normalmente il Covid-19 non causa malattia grave nei bambini, ma non bisogna mai sottovalutare questa infezione che può lasciare importanti strascichi (che cadono sotto il nome di Long Covid), anche nei più piccoli. Possono comprendere disturbi da vario genere, compresi quelli gasterointestinali.

Bambini e ragazzi possono essere vaccinati contro il Covid-19?

Sì. In Italia il vaccino anti-Covid è autorizzato a partire dai 5 anni di età. La vaccinazione è fortemente raccomandata per proteggere dalla malattia e dalle sue conseguenze (long Covid).

 

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti